Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Outlet-sindacati, torna il sereno: la prima intesa è una rivoluzione

Firmato un primo accordo tra l'Outlet di Serravalle Scrivia e i sindacati: arrivano aree parcheggio per i dipendenti, convenzioni per la pausa pranzo e altre facilitazioni. Allo studio anche la possibilità di creare una piccola struttura scolastica. Linea morbida sulle aperture festive: a Santo Stefano si farà, ma solo mezza giornata
SERRAVALLE SCRIVIA – Aree di parcheggio per il personale, più sicurezza nelle operazioni di versamento dell’incasso, pasti a prezzi convenzionati e uno studio per capire se nei pressi del centro è possibile realizzare una scuola per i bimbi dei dipendenti. All’Outlet di Serravalle Scrivia è tornato il sereno tra la McArthurGlen e i sindacati: grazie alla mediazione del prefetto Romilda Tafuri l’azienda e i rappresentanti dei lavoratori hanno trovato un’intesa di massima su parecchi dei punti in discussione.

Il documento che Cgil, Cisl e Uil hanno presentato a luglio chiedeva alla direzione del centro commerciale di discutere tutte le questioni più rilevanti riguardanti i circa 2 mila lavoratori che operano a Serravalle. Ieri davanti al prefetto è stato sottoscritto un primo accordo che prevede già diversi impegni da parte dell’azienda. In particolare sono state individuate soluzioni per garantire maggiore sicurezza al personale e risolvere il problema dei versamenti degli incassi e del trasporto di denaro all’interno del centro commerciale. Sono state individuate aree parcheggio per agevolare i dipendenti che si recano al lavoro con l’auto, anche nei periodi “caldi” come i saldi; inoltre verranno incentivare misure alternative di mobilità come il car sharing e i servizi navetta.

Per la pausa pranzo, saranno previste convenzioni a prezzo ridotto, posti riservati ai dipendenti presso gli esercizi di ristorazione e la possibilità di consegna dei pasti nei punti vendita. Inoltre si verificherà se è possibile adibire alcuni locali a “sala mensa” dei dipendenti. Infine, insieme alle amministrazioni comunali di Novi e Serravalle, sarà effettuato uno studio di fattibilità per realizzare una struttura scolastica destinata in misura prioritaria ai lavoratori dei centri commerciali (o meglio, ai loro figli).

Sulle aperture festive i sindacati e McArthurGlen hanno preferito la linea morbida: a Santo Stefano l’Outlet sarà aperto, ma solo nel pomeriggio (dalle 14.00 alle 20.00). Un modo per evitare lo scontro frontale e tenere aperta «una linea di dialogo», come la definiscono Cgil, Cisl e Uil, che esprimono «piena soddisfazione» e parlano di un «passo fondamentale per mantenere vivo e costante il confronto con la direzione».

Le parti torneranno a incontrarsi a breve, sempre in prefettura. Nel frattempo i sindacati incassano anche un’ulteriore apertura da parte di McArthurGlen: due volte al mese i rappresentanti dei lavoratori avranno a disposizione un ufficio all’interno del centro commerciale.
30/11/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa