Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Dalla Regione un programma per valorizzazione il commercio urbano

La Regione Piemonte si propone di sostenere interventi di qualificazione urbanistico-commerciale in ambiti urbani del territorio piemontese tramite programmi di qualificazione urbana
ECONOMIA E LAVORO - La Regione Piemonte riconosce al commercio un ruolo centrale nelle scelte di programmazione territoriale e individua in esso un’attività economica e produttiva capace di svolgere una funzione di integrazione e valorizzazione delle risorse del territorio.
Per questo si propone di sostenere interventi di qualificazione urbanistico-commerciale in ambiti urbani del territorio piemontese tramite programmi di qualificazione urbana.
La D.C.R. 29/10/99, n. 563-13414 e s.m.i. ha disciplinato gli “Indirizzi generali e i criteri di programmazione urbanistica per l’insediamento del commercio al dettaglio in sede fissa in attuazione del decreto legislativo 31/03/98, n. 114” e, all’articolo 18 del relativo Allegato A, ha definito gli interventi per la valorizzazione degli addensamenti commerciali urbani e per il recupero delle piccole e medie imprese nonché i contenuti del programma di qualificazione urbana.

Gli obiettivi della Programmazione sono:
· valorizzare i luoghi del commercio ed in particolare i Percorsi urbani del commercio, attraverso la riqualificazione urbanistica-commerciale dei luoghi naturali del commercio urbano, quali sedi naturali di attività commerciali ed economiche in senso lato; il termine “naturale” rimanda al concetto di spontaneità, tradizione e storia dei luoghi del commercio cittadino;
· sostenere e contribuire al rilancio dell’identità dei luoghi e percorsi naturali del commercio;
· favorire e sostenere il commercio di vicinato e quindi le micro e piccole imprese del commercio in sede fissa, nell’ottica anche di garantire al cittadino consumatore servizi di prossimità in un momento di forte presenza della grande distribuzione organizzata;
· ridurre il fenomeno della dismissione degli usi commerciali nei contesti urbani, a causa del quale si può avere una forte perdita identitaria, dunque culturale in senso lato;
· favorire la creazione dei cosiddetti “centri commerciali naturali”, ritenendo che essi possano costituire una reale alternativa alla grande distribuzione organizzata;
· sviluppare la competitività dei “centri commerciali naturali” rispetto alla grande distribuzione organizzata, assicurando complementarietà e integrazione anche rispetto agli esercizi su area pubblica dei mercati urbani;
· favorire l’esigenza di adottare misure volte alla tutela dell’ambiente e del consumatore, anche in linea con le politiche comunitarie in materia.
Gli interventi sono rivolti alla qualificazione urbanistico-commerciale di luoghi naturali del commercio urbano all’interno di un addensamento commerciale A.1 (Addensamento storico rilevante), A.2 (Addensamento storico secondario) o A.3 (Addensamento commerciale urbano forte) di Comuni polo, sub-polo e intermedi.
Gli interventi ammissibili sono:
· realizzazione di Aree pedonali per favorire la fruizione dei luoghi naturali del commercio;
· sistemazione urbanistica di porzioni del territorio urbano di interesse strategico per il commercio ovvero di Percorsi Urbani del Commercio, sedi naturali di esercizi commerciali e attività economiche e pertanto costituenti una parte rilevante del tessuto commerciale cittadino, con esclusione dei fabbricati.

Beneficiari
Destinatari del presente Programma sono:
· i Comuni polo
· i Comuni sub-polo
· i Comuni intermedi
così come individuati dalla D.C.R. 29/10/99, n. 563-13414 e s.m.i., promotori di Percorsi urbani del commercio nelle seguenti zone di insediamento commerciale:
· Addensamenti A.1
· Addensamenti A.2
· Addensamenti A.3
Ogni Comune può presentare una sola domanda di finanziamento.

Iniziative finanziabili 
Sono ammissibili le iniziative sotto individuate, articolate per tipologia di intervento:
a) la risistemazione viaria finalizzata anche alla pedonalizzazione, compresa la sistemazione dei portici;
b) il rifacimento o la realizzazione di impianti di illuminazione pubblica, purché di proprietà comunale;
c) infrastrutture fognarie per lo smaltimento delle acque meteoriche;
d) la realizzazione di arredi urbani e la sistemazione o creazione di aree da destinare a verde pubblico e ludico-ricreative. Saranno comunque ritenuti ammissibili solo gli interventi che l’Amministrazione regionale riterrà strettamente funzionali alla realizzazione del progetto complessivo.
E’ escluso l’abbattimento, la sistemazione o la costruzione ex-novo di fabbricati pubblici o privati e degli elevati dei portici.

Dontazione finanziaria
Alla copertura finanziaria del bando attuativo del presente Programma si farà fronte con le
seguenti risorse:
· Euro 538.641,00 provenienti dal Fondo di premialità del CIPE di cui al Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 10/07/2014 e al Decreto Direttoriale del 28 ottobre 2016 n. 18685 e già incassate con reversale n. 27522 sul cap. 39600/2016 e iscritti sul capitolo 234400/2017 U/A1903A2 del Bilancio di previsione finanziario 2017-2019, di cui alla L.R. n. 6/2017;
· Euro 3.000.000,00 quale importo autorizzato con le DD.G.R. n. 5-4886 del 20/04/2017 e n. 45-6104 del 7/12/2017 a valere sul capitolo 235803 U/1903A2 dell’annualità 2018 del Bilancio di previsione finanziario 2017-2019 (L.R. n. 6/2017);

Procedura
Le domande di finanziamento dovranno pervenire entro le ore 12,30 del 16/03/2018, a pena di esclusione, al seguente indirizzo:
REGIONE PIEMONTE
DIREZIONE COMPETITIVITA’ DEL SISTEMA REGIONALE
Settore Commercio e Terziario
Via Pisano, n. 6
C.A.P. 10152 TORINO

Le modalità di presentazione delle domande di finanziamento sono le seguenti:
posta certificata indirizzata alla seguente casella di posta: commercioeterziario@cert.regione.piemonte.it.
In caso di invio di documentazione con dimensione superiore ai 15 MB, la trasmissione dovrà essere effettuata con più invii contestuali ovvero in stretta sequenza temporale; consegna a mano all’indirizzo su indicato e in questo caso farà fede la data e l’ora di ricevimento apposta dall’ufficio ricevente; invio tramite posta o corriere e in questo caso farà fede la data e l’ora del timbro postale.

Titolo 
Programmazione 2017-18 Valorizzazione dei luoghi del commercio- Percorsi urbani del commercio
 
link al bando in originale e domanda di contributo
http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/programmazione-2017-18-%E2%80%93-valorizzazione-dei-luoghi-del-commercio-percorsi-urbani-del
per info:
LAMORO scarl
Via Leopardi, 4 14100Asti
info@lamoro.it
0141 532516
 
 
20/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano