Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Telling Stories, buone prassi e interpretazioni di marketing narrativo

Venerdì 28 marzo al Lab121 l'incontro con gli autori del libro digitale per aiutare le piccole e medie imprese, imprenditori e professionisti, enti pubblici a presentarsi, raccontarsi, promuoversi e comunicare con i clienti
ALESSANDRIA - Quando aziende e territori si raccontano intrattenendo. Venerdì 28 marzo alle 19 al Lab121 in via Verona 17 l'aperitivo di presentazione del nuovo eBook al Lab121, l'incontro con gli autori di un libro scritto a “dodici mani” Telling Stories: buone prassi e interpretazioni di marketing narrativo, ovvero come fare una "nuova" pubblicità adattando la comunicazione ai vari media e social network. È un libro digitale e ha un titolo in inglese, questo può trarre in inganno. In realtà alla fine il paragone più calzante che una delle co-autrici ha saputo fare è quello con Carosello. Sembra strano ma le nuove tecnologie per la comunicazione di massa hanno fatto un giro ampissimo, frammentando i mezzi comunicativi e i canali a disposizione (nasce un social network alla settimana), e abbiamo l'impressione che una maggiore velocità nella comunicazione abbia ristretto ancora i classici trenta secondi dello spot televisivo, invece la sintesi che gli esperti della comunicazione digitale ci spiegano è che c'è maggiore lentezza, curiosità per quello che sappiamo raccontare di un prodotto, un servizio o di un territorio.

Lo storytelling non è quindi altro che il "raccontare storie", un'arte antica che oggi viene riproposta e riadattata per offrire una visione più vera, una capacità che si incanala fra social network dedicati al video ma anche alle foto, altri dalla comunicazione veloce in 140 caratteri oppure su Facebook, dove passiamo sempre più tempo "sociale" fra amici e aziende. Questa capacità di racconto va nuovamente appresa e crea oggi professioni, apre la strada ai giovani e alle imprese che vorrebbero esportare i loro prodotti, ai territori che devono farsi scoprire dal turismo sostenibile del terzo millennio che unisce informazioni su smartphone e sapori slow food. Un tipo di richieste che arriveranno presto anche qui vicino a noi perché, all'improvviso, ci accorgiamo che siamo alle porte dell'Expo 2015 e, chi si sarà aggiornato, avrà un vantaggio enorme sulla concorrenza.

Ecco il perché di un libro importante che si propone per aiutare le piccole e medie aziende, imprenditori, professionisti, enti pubblici e realtà turistiche a presentarsi, raccontarsi, promuoversi e comunicare con i loro possibili clienti. Le tecniche per valorizzare la propria attività, scrivendo storie e racconti in modo più efficace e persuasivo con immagini e parole, sono spiegate con esempi di successo. Durante questo aperitivo verranno quindi illustrate delle case history applicate al turismo, alla moda, ai prodotti di largo consumo e ai servizi. Verranno introdotti strumenti di approccio 
emozionale per la comunicazione e indicati i differenti canali comunicativi che si differenziano per utilità e linguaggio.
Questa occasione viene offerta gratuitamente alla città dal Lab121, centro di coworking e fucina di idee e professionisti, che annovera fra i soci ben metà degli autori del libro. Per non perdere questa occasione è anche possibile prenotare un posto semplicemente scrivendo a host@lab121.org

Gli autori, Silvia Badriotto, Massimo Benedetti, Stefania Burra, Alessandro Dattilo, Simonetta Pozzi e Patrizia Soffiati, accomunati dalla passione per l'argomento e interessati in senso generale ai temi della comunicazione e al social media marketing, nel 2012 hanno costituito un gruppo di studio per valorizzare, diffondere e promuovere l'uso del marketing narrativo nelle imprese e nelle organizzazioni. Dopo mesi di confronto e revisioni hanno ultimato la stesura dell'eBook dove si racconta di persone in connessione, dove si toccano emozioni, si rielabora il vissuto e si esplora l'immaginario. Difficile da spiegare, forse, ma di certo imperdibile per chi non vuole restare indietro su queste nuove frontiere della comunicazione e del business.
27/03/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione