Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Tecnici brasiliani in visita per carpire i "segreti" del biodigestore

Una delegazione brasiliana si è recata a Novi, nei giorni scorsi, per una visita al biodigestore che è stato realizzato presso la discarica di strada Boscomarengo. Il biodigestore è stato collaudato alla fine del 2013, quindi quello passato è stato il primo anno completo di funzionamento
NOVI LIGURE - Una delegazione brasiliana si è recata a Novi, nei giorni scorsi, per una visita al biodigestore che è stato realizzato presso la discarica di strada Boscomarengo. Il gruppo era guidato dall’ingegnere sanitario Edicleusa Veloso, responsabile della politica ambientale del Governo dello Stato del Minas Gerais e dal sindaco di Itajubà e presidente del locale Consorzio dei Rifiuti Urbani e costituita complessivamente da 8 tecnici.

"Per le peculiarità di questo impianto – dice l’ingegner Andrea Firpo della società Srt che gestisce gli impianti di Novi e Tortona – sovente Novi è meta di visite informative da parte di tecnici del settore e amministratori interessati al suo funzionamento". Il biodigestore è stato collaudato alla fine del 2013, quindi quello passato è stato il primo anno completo di funzionamento. "Le prestazioni – prosegue Firpo – registrate stabilmente si sono dimostrate perfettamente in linea con le previsioni progettuali".

I rifiuti netti trattati sono stati pari a 17.503 tonnellate i quali hanno prodotto energia per 4,6 milioni di kWh (4,2 al netto degli autoconsumi), la percentuale media di metano è del 59%. Tocca quota 1,2 milioni di euro il ricavo dalla vendita dell’energia. "Ciò vuol dire – sottolinea ancora Firpo – che con meno di 10 tonnellate di rifiuto organico si produce abbastanza energia elettrica per alimentare una casa".

Il bacino di utenza di Srt, costituito da 116 comuni, tra cui i centri zona Novi Ligure, Tortona, Acqui Terme e Ovada, per un totale di oltre 21mille abitanti, conferisce annualmente circa 118 mila tonnellate di rifiuti, di cui 48 mila raccolti in modo differenziato. Di questi, circa 9 mila tonnellate sono rifiuti organici e 8 mila tonnellate sono ligno-cellulosici. Prima della costruzione del digestore questa tipologia di rifiuto doveva essere destinata a impianti esterni, con un costo sostenuto da Srt di oltre 1,1 milioni di euro l’anno.
27/04/2015
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa