Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Passaggio dipendenti Tra ad Alegas: "è questa la soluzione"?

Perplessità dei sindacati per la mozione approvata dalla maggioranza che impegna Alegas, società del Gruppo Amag, ad assumere i lavoratori del Teatro. Muliere,Cisl: "Abbiamo il timore che sia un modo con cui la politica si vuole lavare le mani. Il gruppo Amag sta già pagando il prezzo della crisi"
ALESSANDRIA - Il passaggio ipotizzato dei dipendenti del Tra, teatro regionale alessandrino, al gruppo Amag lascia i dipendenti della ex municipalizzata e i sindacati che li rappresentano con l'amaro in bocca. Ieri, dopo l'approvazione da parte del consiglio comunale di una mozione che impegna Alegas, società del Gruppo Amag, ad assumere i lavoratori del Teatro, per i quali dal mese di gennaio scatterà il licenziamento, i lavoratori del gruppo si sono riuniti in assemblea al termine del quale hanno diramato un comunicato che pubblichiamo integralmente. Aggiunge Michele Muliere, segretario provinciale del settore chimici della Cisl: "abbiamo l'impressione che la proposta sia un tentativo da parte della politica di lavarsi le mani. Siamo sicuri che sia la soluzione migliore, visto che i dipendenti Tra sono sicuramente competenti e professionali nel loro settore ma non sono certo tecnici in fatto di gas e acqua?". Nasce anche la considerazione ulteriore sull'impegno (o il disimpegno) dell'ammistrazione sulla volontà di riaprire il teatro non appena la bonifica sarà completata. "Spiace inoltre - aggiunge Muliere - dover apprendere ancora una volta queste notizie dagli organi si informazione invece che da un confronto diretto  con l'amminsitrazione". 
Di seguito  il testo del comunicato approvato al termine della riunione sindacale dei dipendenti Amag: 
Abbiamo appreso dai mezzi di informazione che il Consiglio Comunale di Alessandria, nella seduta del 20 dicembre, ha approvato a maggioranza una mozione che impegna Alegas, società del Gruppo Amag, ad assumere i lavoratori del Teatro, per i quali dal mese di gennaio scatterà il licenziamento. Un dramma che si aggiunge ai tanti che falcidiano il tessuto sociale alessandrino, messo a dura prova sia dalla crisi che colpisce tutto il Paese, sia dagli effetti del dissesto dell’Amministrazione Comunale. A questo proposito, vogliamo ricordare che anche l’Amag ha subito una pesante perdita e una crisi di liquidità, acuita da un’enorme massa di altri crediti non riscossi. Per i dipendenti questo ha significato blocco del pagamento del salario di secondo livello e timori circa la tenuta dei livelli occupazionali e della capacità di erogazione degli stipendi, oltre alle preoccupazioni connesse all’andamento dell’attività aziendale, a causa dei ritardi nei pagamenti delle forniture.
Nonostante ciò, il livello qualitativo del servizio è rimasto immutato ed oggi si intravvede qualche segnale positivo per il prossimo anno, nel corso del quale si svolgerà la gara pubblica per la concessione delle reti gas, che inevitabilmente riacutizzerà i timori per l’occupazione.
In questa situazione, i lavoratori hanno fatto e continueranno a fare la loro parte, pagando errori di gestione e sperperi che certo non dipendono dalle loro scelte. Il loro disagio, tuttavia, cresce costantemente:
• l’attuale gestione di Amag appare penalizzata da una dicotomia che determina un forte disorientamento e che appare del tutto incomprensibile, visto che la nomina degli amministratori è stata effettuata dal Sindaco in piena autonomia
• le reiterate richieste di incontro al Sindaco e al Presidente da parte dei rappresentanti dei lavoratori sono cadute nel vuoto
• la strategia sulla gestione delle reti gas resta ancora poco chiara a pochi mesi dall'emissione del bando di gara
• le notizie relative all’occupazione vengono comunicate ai giornalisti ed è grazie agli organi di stampa che i dipendenti apprendono cosa viene deciso sulle loro teste.
Tutto ciò è avvenuto anche in occasione della discussione sui lavoratori del Teatro, ai quali vanno tutta la solidarietà e l’impegno a ricercare ogni possibile soluzione, ma il cui collocamento all’interno del Gruppo Amag non potrà che determinare il rapido deterioramento di una situazione già precaria. Il dramma dei dipendenti scaturisce da questa mancanza di considerazione da parte di alcuni Amministratori, che continuano a rifiutare ogni confronto con i lavoratori, come se essi non fossero degni di partecipare alla discussione che riguarda la loro condizione attuale e quella futura. Eppure dovrebbero aver presente che i servizi pubblici essenziali non sono di proprietà delle Giunte comunali, che si trovano ad amministrarli nell’interesse collettivo per la durata di qualche tornata amministrativa, ma sono patrimonio dei cittadini. Cittadini ai quali i lavoratori hanno sin qui dimostrato di non voler arrecare danni o disagi evitando di mettere in campo scioperi o azioni che potessero minare la qualità di servizi, quali acqua e gas, che rappresentano un bene comune prioritario.
I lavoratori e le lavoratrici Amag, richiamano questa Amministrazione e il Sindaco Rita Rossa, al semplice fatto che il lavoro va difeso non solo con mozioni di maggioranza, ma anche confrontandosi con chi lo presta. Chiedono loro di difendere i beni comuni di questa città e le sorti di un’Azienda che si è rivelata strategica per la tenuta del Bilancio comunale, anche grazie al lavoro dei dipendenti, che legittimamente si attendono un confronto sulle decisioni che li riguardano.
Diversamente, azioni di lotta e sciopero saranno inevitabili, così come i disagi per una collettività già duramente provata.

L’ASSEMBLEA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI AMAG.
APPROVATO ALL’UNANIMITA’ IL 23/12/13
 
24/12/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa