Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“Noi antisindacali? Dateci il tempo di lavorare”

Il sindaco Rita Rossa e l'assessore Puleio rispondono alle perplessità espresse da Csil e Uil sulle procedure di passaggio dei dipendenti all'azienda speciale Costruire Insieme. Oggi, forse, il primo Cda per varare il piano economico
“Lasciateci il tempo di lavorare”. Lo chiede l'assessore ai servizi educativi Nuccio Puleio rispondendo alle “perplessità” espresse senza mezzi termini da Cisl e Uil sulle “procedure adottate dall'amministrazione” nella costituzione dell'azienda speciale Costruire insieme, ma anche sulle “garanzie di tutela per la salvaguardia dei posti di lavoro dei dipendenti, tanto quelli a tempo indeterminato, quanto quelli precari”. A quelle dell'assessore si sono aggiunte, nella serata di ieri, anche le dichiarazioni del sindaco Rita Rossa: “Siamo veramente sconcertati per un atteggiamento che riteniamo ingiusto da parte delle Organizzazioni Sindacali: questa amministrazione in 2 mesi ha affrontato e risolto un problema annoso con una soluzione che tutela il servizio e la sua qualità. Ricordiamo che la soluzione alternativa era l’appalto alle cooperative, che non è negativa di per sé, ma che in questo specifico settore sarebbe stata disastrosa andando ad incidere sulla continuità del progetto educativo, visto il forte turn over del personale. Per quanto riguarda i rapporti con i sindacati ritengo che nessuna amministrazione abbia mai fatto tanti incontri con le Rsu ed è offensivo per la stessa intelligenza dei sindacalisti affermare il contrario, visto che abbiamo incontrato le rappresentanze aziendali anche il giorno successivo al Consiglio comunale del 9 agosto. Gli uffici stanno lavorando alla stesura del contratto di servizio dell’azienda speciale che è stata creata anche a tutela dei posti di lavoro e della qualità del servizio. Se a fine giugno avessimo deciso di appaltare il servizio, per effetto della “spending review” oggi sarebbero probabilmente in pericolo anche i posti di lavoro a tempo indeterminato. Questo non diminuisce per nulla la nostra volontà di collaborare con le organizzazioni sindacali per cercare insieme le soluzioni migliori per il personale e per i cittadini, ma, certo, atteggiamenti di questo tipo amareggiano non poco”.
Ieri, nella prima seduta di giunta dopo la beve pausa estiva, si è discusso proprio del contratto di servizio di Costruire insieme, varata alla vigilia di Ferragosto che, al momento, è poco più che una scatola vuota.
Oggi, atto costitutivo alla mano, si dovrebbe tenere la prima riunione del Cda provvisorio dell'azienda speciale che dovrà gestire i servizi educativi da 0 a 6 anni ed assorbire gli ex dipendenti di Aspal. “Occorre tradurre concretamente le linee politiche il linee operative e non è così semplice – spiega Puleio – La situazione è complessa e un piano economico non si mette giù in due minuti. Se si costituisce una nuova azienda deve essere prima di tutto funzionale”.
Ormai la giunta “è praticamente riunita in seduta permanete per trovare soluzioni tecniche nel più breve tempo possibile”.
 Il tempo, in effetti, non gioca a favore: una delle prime scelte è stata infatti quella di posticipare di una settimana la ripresa dell'anno scolastico per nidi e materne, fissata in un primo tempo lunedì 3 ed ora rinviata al 12 settembre, in contemporanea con le scuole statali.
I nodi da sciogliere sono quelli relativi al passaggio dei dipendenti a tempo indeterminato in forza in Aspal, messa in liquidazione, di quelli a tempo indeterminato in servizio presso gli asili e dei precari che sono in attesa di risposte.
A questi si aggiungono i timori per una ridotta necessità di personale se, per effetto dell'aumento delle tariffe, ci saranno rinunce significative tra le famiglie che potrebbero scegliere di non perfezionare le iscrizioni a nidi e materne. In questo caso, non è del tutto remota l'ipotesi della chiusura di una struttura, "che già necessiterebbe interventi strutturali".
“E' ancora tutto da verificare – dice Puleio – certo che se il numero delle iscrizioni dovesse ridursi, dovremmo fare riflessioni”. E, mentre per chi era già assunto a tempo indeterminato la strada più agevole sembra essere quella del “comando funzionale”, ossia il passaggio dall'organico comunale a quello dell'azienda, per i precari potrebbe aprirsi una nuova pagina diversa da quella sperata: “non ci sarebbero i tempi tecnici per procedere a bandi di assunzione. Stiamo valutando la possibilità che Costruire insieme possa attingere, per i tempi determinati (ossia precari), alle graduatorie già in essere”, ammette l'assessore. “L'avvio di nuovi comporsi comporterebbe tempo troppo lunghi”, aggiunge. Tuttavia Puleio non esclude la possibilità di emettere bandi non appena ce ne saranno le condizioni.
Già oggi, dopo la prima riunione del Cda potranno essere date indicazioni più precise, “e non appena possibile abbiamo intenzione di aprire il dialogo con i sindacati”, promette l'amministratore.
24/08/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani