Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Negozi: tanto turn over oltre i numeri

Aggiornati i parametri con i quali venivano conteggiati: sono 317 in tutto le attività. Fra questi 83 pubblici esercizi tra bar, ristorani e pizzerie
OVADA - Numeri sostanzialmente simili, turn over accentuato dietro. In estrema sintesi è la situazione del commercio ovadese. Dati, quelli diffusi dallo sportello Suap di Palazzo Delfino, difficilmente comparabili con quelli degli anni precedenti perché rilevati in modo diverso. Sono 317 in totale le attività. Nel dettaglio, sei apertura e otto cessazioni negli esercizi alimentari, diciannove aperture e 16 cessazioni nei non alimentari. Ciò che è cambiato è il conteggio dei cosiddetti “misti”, pubblici esercizi come i bar che hanno anche attività di commercio al dettaglio, parrucchieri e estetisti che vengono i loro prodotti. La grave crisi purtroppo colpisce in maniera significativa anche il nostro territorio – spiega il vice sindaco Giacomo Pastorino - solo parzialmente mitigata dalla struttura particolarmente diversificata delle nostre attività. Il cosiddetto sviluppo misto, che è stato per anni il nostro modello di riferimento, ha rallentato forse la percezione degli effetti della crisi, ma ora dopo sei, sette anni si sentono. I Comuni purtroppo non hanno molte leve su cui agire: noi stiamo puntando sulla coesione territoriale, sulla promozione complessiva del territorio”.

In bilico ci sono venti negozi che nel breve saranno sottoposti a verifica sul campo da parte della Polizia Municipale. “C’è chi chiude – spiega Elisabetta Somaglia, funzionaria  del Suap – e non lo comunica magari perché non sa di doverlo fare. Sono sempre meno anche i subentri, una pratica in voga quando si cedevano le licenze. Oggi si aspetta una chiusura per poi ripartire ex novo”. In tutto sono otto tabaccherie, sei edicole, sette distributori di carburante, tre farmacie in attesa dell’apertura di quella concessa per il Borgo, due centri commerciali, quindici cosiddette “medie strutture” e 83 pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie).

28/01/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa