Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Valenza

Nasce il profumo di Valenza per esportare il nome della città nel mondo

Due imprenditrici hanno creato le essenze per ambienti 'oro' e 'argento' ispirate alle eccellenze valenzane, inventando il marchio Acqua di Valenza. L'idea è vendere questo profumo nelle gioiellerie
VALENZA - Caldo come l'oro, fresco come l'argento. Le due fragranze “preziose” hanno già conquistato la curiosità dei valenzani e chissà che non possa essere l'uovo di Colombo per un rilancio della Città dell'Oro anche nel mondo del fashion, come una volta ipotizzato (ma mai realizzato). Valenza si è divisa tra chi pensa che abbinare il nome della città ad un profumo sia una genialata e chi profetizza un flop, sulla credenza che se non si è mai realizzata una roba del genere, un motivo ci dev'essere.

L'idea è venuta a due imprenditrici Marika e Patrizia Bonetto, titolari del negozio di oggetti per la casa "Viale Repubblica", “per rimettersi in gioco rilanciando anche il lavoro della nostra città e come l'oro e l'argento anche le profumazioni gocce d'oro e gocce d'argento accompagneranno Valenza in giro per il mondo”.

Acqua di Valenza è il marchio di loro proprietà di due fragranze per ambienti, venduto in eleganti vasetti con diffusori a bacchette, che si ispirano alla gioielleria valenzana, vanto e traino dell'economia locale. Non è la prima volta che un territorio crea il proprio profumo. Lo hanno fatto sul Lago di Garda, meta di turismo ed economie ben diverse. Ma è giusto anche pensare in grande per una città come Valenza, le cui sorti sono inesorabilmente legate all'oreficeria: se non ci pensano le associazioni, gli enti i gli amministratori a studiare qualche buona idea per il rilancio, ben venga un'iniziativa privata come questa che apre le porte ad un marketing territoriale molto “in”.

Le due vulcaniche imprenditrici hanno così contattato alcuni “nasi” (sono chiamati così i creatori di profumi) del comasco, e dopo vari incontri hanno creato le due essenze su misura, una più forte e una più delicata, nominati come i due metalli preziosi, facilmente riconoscibili: “Acqua di Valenza nasce con l'intenzione di rilanciare il nome della nostra città e creare un elemento che ci identifichi per le cose belle che Valenza da sempre produce ed esporta in tutto il mondo. Si tratta di un'iniziativa rivolta a favorire l'intero territorio valenzano, in particolare il settore commerciale e sviluppare l'interesse turistico, anche in considerazione del ritorno di immagine che Valenza riceverà dalla distribuzione di un prodotto che ne riporta il nome”. 
 
Ne sono convinte Marika e Patrizia, pronte a sondare la disponibilità di tutte le gioiellerie cittadine, per far ospitare le loro boccette profumate nei negozi, tra collane, anelli e diamanti luccicanti. È un'idea nuova, e pertanto non priva di rischi. Ma la determinazione c'è e chissà che sull'onda dell'entusiasmo, ra qualche anno non possiamo vedere dietro la vetrina di un negozio di lusso anche una eau de toilette per la donna che vuole profumare… d'oro.
 
9/12/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali