Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

"Meno riposo, più pericolo": camionisti in sciopero davanti all'Ilva

Prosegue dalla notte davanti allo stabilimento Ilva di Novi Ligure il presidio dei camionisti aderenti a Cgil, Cisl e Uil. Gli autotrasportatori sono scesi in sciopero per protestare contro la proposta di modifica al regolamento europeo sui controlli stradali, che ridurrebbe il tempo di riposo dei conducenti
NOVI LIGURE – Prosegue da questa notte davanti allo stabilimento Ilva di Novi Ligure il presidio dei camionisti aderenti a Cgil, Cisl e Uil. Gli autotrasportatori sono scesi in sciopero per protestare contro la proposta di modifica al regolamento europeo sui controlli stradali, che ridurrebbe il tempo di riposo dei conducenti da 45 a 24 ore settimanali.

«Se la modifica venisse approvata – spiega Federico Gandini della Uil-Trasporti di Genova – camionisti e autisti di autobus dovrebbero usufruire del cosiddetto riposo ridotto per 2 o 3 settimane consecutive, e avrebbero diritto al riposo lungo una sola volta al mese».

«Ci sarebbero gravi cambiamenti sulle modalità di organizzazione del lavoro – aggiunge Giuseppe Frangella della Filt-Cgil di Alessandria – Ma soprattutto si avrebbe un impatto nettamente negativo sul riposo degli autisti, sul loro equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, nonché sulla sicurezza stradale».

Secondo i sindacalisti, se tale modifica venisse approvata da Bruxelles, nel lungo periodo verrebbero danneggiati non solo i lavoratori, ma anche l’intero settore dell’autotrasporto italiano: «Verrebbero a crearsi ulteriori distorsioni, incoraggiando le aziende a utilizzare forza lavoro a basso reddito e a spostare nei Paesi dell’Est le proprie sedi».

Il presidio davanti all’Ilva sarà smantellato questa mattina. Finora comunque non si sono verificati problemi al traffico: i camion in transito di fronte allo stabilimento vengono fermati per consegnare agli autisti un volantino che spiega le ragioni dello sciopero e poi lasciati proseguire. Più tardi i rappresentanti dei lavoratori si sposteranno ad Alessandria per chiedere di incontrare il prefetto. «Quella di oggi è stata una manifestazione simbolica, siamo pronti a bloccare le strade se non saremo ascoltati – concludono i sindacalisti – Serve una mobilitazione generale per difendere il lavoro».
29/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline