Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

L'Asti Secco parla anche alessandrino

Passa anche dall'alessandrino la nuova strada dell'Asti Secco Docg, pronto a conquistare il mercato del prosecco. Il Consorzio della Tutela dell'Asti si è infatti presentato ufficialmente ieri, nella sala del consiglio provinciale a palazzo Ghilini. L'idea è quella di stringere una sorta di patto d'orgoglio per il territorio alessandrino ed astigiano
PROVINCIA – Passa anche dall'alessandrino la nuova strada dell'Asti Secco Docg, pronto a conquistare il mercato del prosecco. Il Consorzio della Tutela dell'Asti si è infatti presentato ufficialmente ieri, nella sala del consiglio provinciale a palazzo Ghilini, davanti agli amministratori ed agricoltori. L'idea è quella di stringere una sorta di patto d'orgoglio per il territorio alessandrino ed astigiano, sempre più vicini anche dal punto di vista amministrativo (è in corso anche l'unificazione delle Camere di Commercio delle due province).
Una parte consistente dell'Asti viene infatti prodotto o lavorato in provincia di Alessandria: circa 2.500 ettari, su un totale di 9.300. In termini di bottiglie, 22 milioni, su 87, sono made in Alessandria. Alessandriano, casalese per la precisione, è anche l'inventore del metodo di vinificazione adottato in tutto il mondo, il "metodo Martinotti", dal nome di Federico Martinotti. 
L'Asti Secco si è affacciato sul mercato nel novembre 2017, dopo l'avvio di un progetto di ricerca avviato due anni prima. L'Asti, quindi, non è più solo moscato dolce, ma è ora disponibile anche nella sua versione “Secca”. Una vera sorpresa per il palato la sua spuma fine e persistente e gli aromi floreali. Le “bollicine”, particolarmente apprezzate da un pubblico giovane, sono ottime dall'aperitivo ai primi piatti. E potrebbero essere ottime anche come motivo d'orgoglio territoriale e di promozione dei luoghi dove vengono prodotti. Questo è l'obiettivo del Consorzio che sta lanciando una campagna di riposizionamento sul mercato.

Per produttori e distributori, “deve essere una grande occasione per dare dignità al territorio”, dicono all'unisono Confagricoltura, Cia e Coldiretti, che rappresentano i produttori.
Dall'incontro di ieri sono anche nate le basi per una collaborazione tra il Consorzio e le Pro Loco piemontesi. Era infatti presente Eleonora Norbiato, in rappresentanza di oltre mille pro loco. “C'è già un accordo con la Regione per promuovere nelle nostre sagre i prodotti tipici – ha detto Norbiato – perchè non anche il vino spumante?” L'invito è stato raccolto dal vicepresidente del Consorzio Stefano Ricagno.
27/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani