Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Kme, l'idroponica nel futuro di Serravalle

Sono due le strade percorribili per la salvaguardia degli stabilimenti italiani del gruppo Kme: la coltivazione idroponica oppure la joint venture con il gruppo Eredi Gnutti Metalli: sarebbe questo quanto emerso nella riunione che si è svolta ieri, venerdì 27, a Firenze, alla quale hanno preso parte tutte le Rsu aziendali, Fim, Fiom e Uilm territoriali e nazionali e Intek Group, che gestisce la controllata Kme partecipazioni.
SERRAVALLE SCRIVIA -  Sono due le strade percorribili per la salvaguardia degli stabilimenti italiani del gruppo Kme: la coltivazione idroponica oppure la joint venture con il gruppo Eredi Gnutti Metalli. Sarebbe questo quanto emerso nella riunione che si è svolta ieri, venerdì 27, a Firenze, alla quale hanno preso parte tutte le Rsu aziendali, Fim, Fiom e Uilm territoriali e nazionali e Intek Group, che gestisce la controllata Kme partecipazioni.

Ieri a Firenze, sindacati e azienda hanno firmato un verbale congiunto. "Dell’accordo con Eredi Gnutti, che sarebbe interessata al settore ottone, non si sa ancora nulla di definitivo - spiega Angelo Paternò della Fiom Cgil - Ma nell’accordo, Vincenzo Manes, principale azionista del gruppo, si è impegnato a trovare soluzioni per l’occupazione, arrivando a ipotizzare per Serravalle la realizzazione di un centro di coltivazione idroponica".

Poche settimane fa, era stata la volta di un annuncio a sorpresa che aveva riguardato lo stabilimento toscano di Fornaci di Barga: basta con la produzione di rame, l’impianto si riconverte in un centro europeo di riferimento per l’idrocoltura. Adesso pare che non sarà più così - anche perché la produzione di rame si protrarrà fino a marzo 2016 - ma il “posto” lasciato vuoto da Fornaci, potrebbe essere riempito da Serravalle. "L'azienda intende fin d'ora rassicurare le parti nel suo impegno a ricercare ogni soluzione volta al recupero occupazionale - spiegano in una nota dal gruppo Kme, in riferimento ai due stabilimenti italiani - anche attraverso eventuali progetti di riconversione produttiva e il ricorso agli ammortizzatori sociali".
"Lo sciopero di mercoledì ha dato garanzie sull’occupazione - sottolinea ancora il rappresentante sindacale - Sono stati inoltre rinnovati i contratti di solidarietà sia per Kme spa (tubi di rame) che per Kme Brass (barre di ottone)".
28/11/2015
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani