Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Un bando per sostenere le politiche nell'ambito dell'assistenza familiare

La misura, emanata dalla Regione Piemonte, mette a disposizione oltre 2 milioni di euro, si rivolge ad associazioni temporanee di scopo e scade ad aprile 2018
ECONOMIA E LAVORO - Con l’Atto di indirizzo contenente criteri e modalità per la realizzazione di un intervento a favore dell’Assistenza familiare, approvato con D.G.R. n. 8-4336 del 12/12/2016, la Regione Piemonte ha inteso sia proseguire nel percorso intrapreso di sostegno al consolidamento della rete di strutture pubbliche e private che operano nell’area dell’assistenza familiare, valorizzando le esperienze positive realizzate con risorse pubbliche e private, sia adeguare il modello regionale al mutato contesto economico/sociale e normativo attraverso una sua rivisitazione e innovazione.

Obiettivo della Misura è favorire l’implementazione sul territorio piemontese di un sistema integrato di politiche (pari opportunità, politiche attive del lavoro e della formazione professionale, politiche sociali) nell’ambito dell’assistenza familiare, definito in continuità con le buone pratiche territoriali già sperimentante e coerentemente con le evidenze della ricognizione e le soluzioni proposte dall’indagine preliminare.
Nelle proposte progettuali che verranno presentate in attuazione della Misura, dovranno essere coinvolte strutture pubbliche e private che operano a vario titolo nell’area dell’assistenza familiare: le reti, partendo da quanto già consolidato sui territori, dovranno ampliare, nella maggior misura possibile, e sistematizzare il patrimonio di esperienze esistenti al fine di consolidare un sistema di servizi, organizzato in rete e sostenibile nel tempo, che fornisca soluzioni concrete alle esigenze, da un lato, delle persone che svolgono o che sono interessate a svolgere attività di assistente familiare e, dall’altro, ai bisogni delle famiglie.
La Regione Piemonte costituirà un gruppo tecnico di lavoro coinvolgente i soggetti attuatori dei progetti finanziati, con il coordinamento regionale dell’Agenzia Piemonte Lavoro. Gli incontri del gruppo di lavoro saranno finalizzati alla condivisione delle modalità di realizzazione delle attività progettuali nonché alla integrazione delle azioni in corso e rappresentano momenti di approfondimento del monitoraggio in itinere dell’intervento.

Priorità regionali specifiche
Verrà data priorità ai progetti presentati da ATS che possiedano uno o più dei seguenti requisiti:
a) coprano aree territoriali coincidenti con due o più Ambiti individuati per la sperimentazione del Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) di cui alla D.G.R. n. 29-3257 del 09/05/2016. In questo caso sarà il soggetto capofila di ogni singolo Ambito territoriale, di cui alla D.D. n. 755 del 02/11/2016, a partecipare all’ATS;
b) comprendano soggetti appartenenti alle tipologie di seguito indicate:
- Associazioni attive nell’area dell’assistenza familiare,
- Rappresentanze dei lavoratori e dei datori di lavoro maggiormente rappresentative,
- Patronati;
c) includano aree territoriali coincidenti con aree ricomprese nella Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) di cui alla D.G.R. n. 21-1251 del 30/03/2015, qualora la Misura sia coerente con la strategia stessa;
d) comprendano un’Azienda sanitaria del territorio di riferimento.
Sono soggetti destinatari degli interventi di cui al presente Bando:
- Persone che svolgono o che sono interessate a svolgere attività di assistente familiare;
- Famiglie, con particolare attenzione a quelle in situazione emergenziale,
residenti e/o aventi domicilio nel territorio della Regione Piemonte

SOGGETTI BENEFICIARI
Possono presentare domanda per i contributi di cui al presente Bando:
- Associazioni Temporanee di Scopo (ATS), costituende o già costituite, che coinvolgano i soggetti che operano a vario titolo nell’ambito dell’assistenza familiare.

Ogni ATS deve comprendere obbligatoriamente:
- Almeno un’Amministrazione locale;
- APL: il/i Centro/i per l’impiego competente/i per territorio;
- Almeno un Operatore dei servizi al lavoro accreditato ai sensi della D.G.R. n. 30-4008 del 11/06/2012 e s.m.i.;
- Almeno un Ente di formazione accreditato ai sensi della D.G.R. n. 29-3181 del 19/06/2006 e s.m.i. con esperienza di almeno due anni nell’erogazione di formazione in ambito socioassistenziale;
- Almeno una Impresa sociale.
Per l’individuazione, validazione e certificazione delle competenze acquisite in ambito non formale o informale, è necessaria la presenza nell’ATS di un Ente accreditato sia al lavoro che alla formazione e titolato a detti servizi, con relativo Esperto in Tecniche di Certificazione, inserito nell’elenco regionale di cui alla D.D. n. 327 del 04/05/2017; detto ente dovrà inoltre possedere un’esperienza formativa nel settore socio-assistenziale di almeno due corsi per operatore socio assistenziale negli ultimi cinque anni
Ogni progetto deve obbligatoriamente coprire aree territoriali coincidenti con uno o più Ambiti individuati per la sperimentazione del Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) di cui alla D.G.R. n. 29-3257 del 09/05/2016. Il soggetto capofila di ogni singolo Ambito territoriale, di cui alla D.D. n. 755 del 02/11/2016, deve partecipare all’ATS;

RISORSE DISPONIBILI
La D.G.R. n. 8-4336 del 12/12/2016 ha approvato, per la Misura finanziata dal presente Bando, la
spesa di € 2.460.000,00.

SCADENZA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Ore 12.00 del giorno 13/04/2018

link
al bando in originale con modulistica
http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/finanziamenti/intervento-di-sistema-sul-territorio-regionale-la-realizzazione-di-servizi-integrati

TITOLO - BANDO ATTUATIVO DELLA Misura 2.9iv.8.2.2
Asse 2 Inclusione sociale e lotta alla povertà, Priorità d’investimento 9iv, Ob. Specifico 8, Azione 2 Misura regionale 2 - INTERVENTO DI SISTEMA SUL TERRITORIO REGIONALE PER LA REALIZZAZIONE DI SERVIZI INTEGRATI NELL’AREA DELL’ASSISTENZA FAMILIARE MEDIANTE RETI TERRITORIALI dell’Atto di indirizzo contenente criteri e modalità per la realizzazione di un intervento a favore dell’Assistenza familiare di cui alla D.G.R. n. 8-4336 del 12/12/2016
per info: LAMORO scarl
Via Leopardi, 4
14100 Asti
0141 532516
info@lamoro.it
13/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!