Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Finanziamenti europei

Il sostegno alle vittime di violenza e di reato passa per i fondi europei

I minori e le donne vittima di violenza sono tra i principali destinatari di questi programmi specifici banditi dall’Unione Europea. 5,5 milioni di euro sono destinati, attraverso 2 differenti filoni di progettazione, al co-finanziamento di progetti di supporto specialistico alle vittime di violenza e ai loro famigliari

FINANZIAMENTI EUROPEI - Il bando congiunto appartiene all’ambito dei programmi “Giustizia” e “Diritti, uguaglianza e cittadinanza”: progetti nazionali e transnazionali per il sostegno alle vittime di violenza e di reato. Il bando di questa settimana presenta possibilità di cofinanziamento di progetti nazionali o internazionali  in linea con le due priorità:

  1. L’attuazione del Programma “Diritti, uguaglianza e cittadinanza” fornisce l'obbligo di "garantire l'accesso alle vittime e dei loro familiari di sostegno alle vittime generale e supporto specialistico, in funzione delle loro esigenze", coerentemente con le attività di prevenzione e lotta a tutte le forme di violenza e per proteggere le vittime di tale violenza (filone DAP - Daphne strand)
  2. L’attuazione del Programma “Giustizia”,  per garantire i diritti alle vittime di reato, l'accesso alla giustizia promuovendo ei diritti delle vittime di crimini (filone  ACC - Justice strand)


Titolo Bando:
Progetti per il sostegno alle vittime di violenza e di reato (JUST/2014/SPOB/AG/VICT)

Programma:
GIUSTIZIA

Beneficiari (verificare il bando):

Strand “Daphne”: organizzazioni pubbliche e private legalmente costituite e aventi sede in uno dei seguenti Paesi: Stati UE e Islanda. La partecipazione è aperta anche a organizzazioni internazionali.

Strand “Accesso alla giustizia”: organizzazioni pubbliche e private legalmente costituite e aventi sede in uno degli Stati UE, eccetto Danimarca e Regno Unito. Possono partecipare anche organizzazioni internazionali.

Contributo a fondo perduto
: massimo 80% dei costi totali eleggibili

Obiettivi
:  il cofinanziamento di progetti nazionali o internazionali  in linea con le due priorità:

  1. L’attuazione del Programma “Diritti, uguaglianza e cittadinanza” fornisce l'obbligo di "garantire l'accesso alle vittime e dei loro familiari di sostegno alle vittime generale e supporto specialistico, in funzione delle loro esigenze", coerentemente con le attività di prevenzione e lotta a tutte le forme di violenza e per proteggere le vittime di tale violenza (filone DAP - Daphne strand )
  2. L’attuazione del Programma “Giustizia”,  per garantire i diritti alle vittime di reato, l'accesso alla giustizia promuovendo ei diritti delle vittime di crimini (filone  ACC - Justice strand)


Tipologie di Azioni eleggibili all’interno del finanziamento

Il bando è articolato in 2 Strand (componenti):

1.    
Strand “Daphne”
Questo Strand si concentra sui servizi specializzati di assistenza per le donne, i giovani e i bambini vittime di violenza e per altre vittime di violenza domestica. In particolare:

  • Vittime di violenza di genere: servizi di assistenza mirati e integrati per le vittime della violenza di genere, comprese quelle con esigenze specifiche come le vittime di violenza sessuale o le vittime di violenza nelle relazioni personali strette o intime.
  • Minori vittime di violenza: servizi di assistenza per i minori vittime di violenza improntati a un approccio centrato sul bambino e sui suoi diritti.
  • Altri gruppi a rischio di violenza: servizi di assistenza per altri gruppi a rischio di violenza nelle relazioni personali strette o intime.



Si intende finanziare progetti transnazionali riguardanti:

  • sviluppo delle capacità del personale che fornisce assistenza specializzata alle vittime attraverso strutture di accoglienza o altre forme di alloggio alternativo sicuro, consulenza legale, medica e psicologica, info-line o altri servizi essenziali per le vittime e le loro famiglie;
  • sviluppo delle capacità, in relazione alle questioni di genere e ai minori, dei “punti di primo contatto” rivolti alle vittime di violenza, in modo che possano meglio soddisfare le esigenze specifiche delle vittime, tra cui l’orientamento a servizi di supporto specialistici;
  • sviluppo di strategie mirate e integrate per rafforzare la cooperazione multidisciplinare e interdipartimentale tra i principali attori che forniscono assistenza alle vittime, anche nei settori della sanità, dell'istruzione, dell'occupazione e dell'assistenza sociale;
  • programmi specifici di sostegno che contribuiscano all’empowerment delle vittime, in particolare di quelle più vulnerabili (vedi testo bando per le specificazioni).


2. Strand “Accesso alla giustizia”

La priorità di questo Strand è contribuire all’applicazione della Direttiva 2012/29/UE sulle norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato, in particolare dei seguenti articoli della Direttiva:  8 e 9 (assistenza alle vittime), 22 (valutazione  individuale di specifiche esigenze di protezione), 25 (formazione degli operatori) e 26 (cooperazione e coordinamento dei servizi).

Si intende finanziare progetti nazionali e transnazionali focalizzati sulle seguenti misure: 

1) Applicazione degli articoli 8 e 9 (assistenza alle vittime)

  • Creazione di strutture a livello nazionale che forniscano alle vittime l'accesso ai servizi di assistenza aventi copertura nazionale e un’adeguata distribuzione geografica: le azioni dovrebbero concentrarsi sul miglioramento o la creazione di servizi di assistenza alle vittime in termini di sostegno psicologico, informazioni e orientamento sui procedimenti penali, assistenza pratica e consulenza per quanto riguarda il percorso di recupero.
  • Sviluppo di metodologie per meccanismi di riferimento di ampiezza nazionale: le azioni dovrebbero concentrarsi sulla creazione di un sistema di riferimento nazionale rapido, confidenziale ed efficace tra polizia (o altra entità di primo contatto) e organizzazioni di assistenza alle vittime
  • Sviluppo di strategie per migliorare la cooperazione tra i principali attori che forniscono assistenza alle vittime, con l'obiettivo di stabilire accordi di riferimento flessibili tra le organizzazioni di assistenza alle vittime che consentano alle vittime di ottenere i servizi di assistenza più adatti alle loro esigenze e senza inutili ritardi.


2) Applicazione dell’articolo 22 (valutazione individuale di specifiche esigenze di protezione)

  • Sviluppo di strumenti o meccanismi pratici e sostenibili per aiutare a identificare le vittime con esigenze specifiche di protezione quando coinvolte in un processo penale: tali azioni possono comprendere lo scambio di best practice e lo sviluppo di strumenti di valutazione e protocolli utilizzati direttamente dalla polizia, nonché servizi di assistenza alle vittime.
3) Applicazione dell’articolo 25 (formazione degli operatori)

  • Organizzazione di attività di formazione per gli operatori che possono entrare in contatto con le vittime, tra i quali agenti di polizia, personale dei tribunali, giudici, pubblici ministeri, avvocati e personale dei servizi di assistenza alle vittime e dei servizi della giustizia riparatrice: le azioni possono riguardare sia la formazione generale che specialistica e possono includere lo scambio di best practice, lo sviluppo di linee guida, standard professionali o codici di condotta su come trattare con le vittime in maniera sensibile, rispettosa, imparziale e professionale.
4) Applicazione dell’articolo 26 (cooperazione e coordinamento dei servizi)
  • Creazione di reti multidisciplinari di agenzie competenti a livello nazionale, regionale o locale per la condivisione di conoscenze, best practice e esperienze.
  • Creazione di reti per migliorare la cooperazione nei casi transfrontalieri.
 
Budget disponibile:
Strand Daphne: € 4.500.000
Strand Accesso alla giustizia: € 1.000.000
Scadenza bando: 10/02/2015

Link: CLICCA QUI per visionare il bando originale

Per informazioni: 
LAMORO scarl
Via Leopardi, 4 14100 ASTI
0141-532516 info@lamoro.it
27/01/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa