Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Frascarolo ai Lions: "chiusa un'era durata 170 anni, ma se ne apre una nuova"

La "nuova era" per la Cassa di Risparmio di Alessandria, incorporata alla banca di Legnano, la crisi economica e le risposte del sistema produttivo i temi toccati da Carlo Frascarolo in una serata organizzata dal Lions Club Bosco Marengo Santa Croce
"E' vero, è finita un'era durata 170 anni per la Cassa di Risparmio di Alessandria, ma ne è iniziata una nuova". Lo ha detto con emozione sincera Carlo Frascarolo, Vice Presidente della Banca di Legnano già presidente della Cassa di Risparmio di Alessandria, relatore alla serata organizzata lunedì scorso dal Lions Club Bosco Marengo Santa Croce

Introdotto dalla presidente del Club Rosalba Marenco, Frascarolo è partito da un’analisi della debolezza politica dell’Europa centro-occidentale e dell’andamento del PIL dei principali paesi stranieri, per illustrare come la crisi economica in cui l’Occidente è scivolato non si sia ancora risolta, constatandone l’estensione dall’economia alla società, alla politica, ai grandi equilibri internazionali. La debolezza della finanza si mescola alla debolezza delle istituzioni. L’Italia, in particolare, è giunta alla crisi mondiale del 2008 dovendo già affrontare difficoltà interne, per cui sta incontrando maggiori problemi nel ritrovare il percorso della ripresa rispetto ad altri paesi europei e a nazioni emergenti.

Il mutare degli scenari economici di questi ultimi anni ha portato le banche ad una revisione del loro ruolo e delle strategie di gestione, per potere affrontare la crisi e rimanere competitive sul mercato oltre che solide finanziariamente.
Un esempio è la fusione fra Cassa di Risparmio di Alessandria e Banca di Legnano, concepita nel luglio scorso su consiglio e proposta della Banca d’Italia alla Capogruppo BPM ed attuata l’11 febbraio.

Alle mirate domande dei soci e degli ospiti su questo importante cambiamento nella Banca
considerata da sempre “ la banca del nostro territorio” il Vice Presidente Frascarolo ha risposto: “ La nuova Banca con 208 sportelli ha un patrimonio netto di 1.350 milioni di Euro contro i 160 milioni della Cassa di Risparmio di Alessandria. Questa potenziata patrimonialità permetterà una maggiore elasticità nella gestione del credito alle imprese e ai privati, e sarà in grado di rilasciare nuove risorse all’interno del sistema economico territoriale. La banca diventa più grande e più forte anche se a malincuore si chiude un’era durata 170 anni, ma ne inizia un’altra. E’ il mondo che cambia e bisogna evolversi per essere in grado di rispondere alle mutate esigenze del mercato”.

Tra il numeroso pubblico erano presenti il Vice Presidente della Regione Piemonte Ugo Cavallera e l’on. Renzo Patria, soci del Club, il sindaco di Bosco Marengo Angela Lamborizio, il secondo Vice Governatore Distrettuale Lions Vittorino Molino.

La serata ha visto l’ingresso di 5 nuove socie: Roberta Bona, Patrizia Lasagna, Mariella Pozzi, Felicita Santagostino, Manuela Ulandi. Tutte dinamiche e attive in diversi campi professionali hanno pronunciato la promessa e l’impegno all’ attuazione del motto lionistico “We Serve”. Con loro il Club Bosco Marengo Santa Croce ha raggiunto il numero di 50 soci nell’arco di vita di cinque anni.

12/03/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Ilva, doccia fredda per i camionisti in presidio da oltre 10 giorni

Novi Ligure | Fumata nera al vertice convocato ieri al ministero per discutere dei pagamenti dovuti alle aziende dell'indotto. "Noi da qui non ci muoviamo", è la replica degli autotrasportatori novesi che da 12 giorni sono davanti ai cancelli dello stabilimento di strada Boscomarengo, giorno e notte. Oggi il dossier Ilva arriva in commissione al Senato

Coldiretti: “chiediamo all’Europa etichette più trasparenti”

Provincia | Continua la consultazione sul sito del Mipaaf, importante il passa parola. La rintracciabilità per la valorizzazione dell’origine e del patrimonio agroalimentare italiano sono tematiche che ci vedono tutti coinvolti

Un gruppo aziende orafe valenzane a Vicenza Oro January

Valenza | Barberis: “le aziende valenzane hanno ulteriormente ribadito la capacità indiscussa di creare collezioni in grado di soddisfare le richieste di clientela proveniente da ogni parte del mondo”

Turismo: gli stranieri crescono di un terzo

Ovada | Allo Iat sono passati 651 visitatori in dodici mesi: nel 2013 erano stati 482. Nel complesso interessano molto le manifestazioni, meno alberghi e ristoranti

Sime: licenziati tre dipendenti

Tortona | L'azienda della distribuzione del gas ha inviato la lettera di licenziamento con decorrenza immediata. Bardone: “il Comune non ha possibilità di incidere su scelte effettuate da una realtà societaria su cui non esercita alcun tipo di potere”
  • Oneto e Venneri presentano il Carnevale alessandrino 2015

    Oneto e Venneri presentano il Carnevale alessandrino 2015

  • Sportissima, le foto della premiazione

    Sportissima, le foto della premiazione

  • Grigi: la presentazione degli acquisti di gennaio

    Grigi: la presentazione degli acquisti di gennaio

  • Alcune fasi delle indagini e dell'arresto del rapinatore del Cristo

    Alcune fasi delle indagini e dell'arresto del rapinatore del Cristo

  • Mark Cooper - L'Alfiere del paesaggio

    Mark Cooper - L'Alfiere del paesaggio

  • Inga, demolite le parti interessate dal crollo

    Inga, demolite le parti interessate dal crollo

  • Molinari, Lega Nord: Forza Italia ci ha deluso, nessuna alleanza con Ncd

    Molinari, Lega Nord: Forza Italia ci ha deluso, nessuna alleanza con Ncd

  • Ilva, prosegue il blocco dei camionisti

    Ilva, prosegue il blocco dei camionisti

  • I Castelli del Monferrato

    I Castelli del Monferrato

  • Alcune fasi delle indagini e dell'arresto del rapinatore del Cristo

    Alcune fasi delle indagini e dell'arresto del rapinatore del Cristo