Provincia

"Necessario rimodulare l'Imu, le famiglie sono allo stremo"

Sicet Alessandria-Asti esorta i comuni dell'alessandrino e dell'astigiano a compiere delle riflessioni sulle aliquote Imu e sul ripristino del fondo sostegno affitti
PROVINCIA - "Mentre i redditi scendono e la disoccupazione sale, i costi per l'abitazione incidono sempre più pesantemente sui bilanci delle famiglie" - queste le parole di Gian Paolo Demartini, segretario generale del Sicet Cisl di Alessandria-Asti, che esorta: "In questa fase complicata come quella che stiamo attraversando, sia a livello economico che lavorativo, credo che tutte le forze politiche che governano i comuni alessandrini ed astigiani dovrebbero compiere delle riflessioni sulle aliquote Imu che andranno, a giorni, ad applicare agli immobili".
Dal sindacato, insomma, l'appello a rimodulare l’IMU inserendo un grado di progressività dell’imposta a parità di gettito, partendo con l’unificare l’aliquota “abitazione principale” a quella per gli immobili locati a “canone concordato” (differenziandola ulteriormente dagli immobili locati a “canone libero”) e penalizzando fortemente l’aliquota per gli "immobili sfitti: questo permetterebbe di evitare l’aumento incontrollato dei canoni di locazione, il peggioramento delle condizioni abitative degli inquilini e cercherà di dare una concreta risposta abitativa".

Precisa ancora il sindacalista:  "Occorre anche ragionare su un’aliquota minima da applicare agli immobili di edilizia pubblica (ATC), perché sono immobili di abitazione principale e si impiegano risorse pubbliche, che devono rimanere sul territorio per essere utilizzate in manutenzione ordinaria e straordinaria che oramai viene effettuata raramente. Stringendo occorre una sospensione immediata dell'esecuzione di tutti gli sfratti per morosità incolpevole e/o per perdita della casa venduta all'asta, con conseguente creazione di un Fondo Straordinario per indennizzare i proprietari oggetto di ritardo nei pagamenti, così com'è stato fatto con il rinnovo del Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto prima casa".

Da Demartini anche l'esortazione a ripristinare con urgenza il Fondo Sostegno Affitto: "Rappresentare i più deboli, dare spazio ai senza voce è il compito primario del sindacato. Le case sono costruite per viverci, non per essere guardate".
27/04/2013
Redazione - redazione@alessandrianews.it