Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lavoro

Disoccupati in condizione di particolare disagio sociale: bando per i cantieri di lavoro

Gli obiettivi: rafforzare l’occupabilità in prospettiva del re-inserimento lavorativo e sociale di persone disoccupate e offrire un inserimento lavorativo ai lavoratori e lavoratrici provenienti dal cantiere precedente. Il bando non è destinato ai singoli disoccupati, ma ai Comuni in forma singola o associata che attiveranno i cantieri di lavoro per disoccupati, da impiegare in attività di pubblica utilità degli Enti proponenti
LAVORO - La Misura finanziata dal bando è denominata Cantieri di lavoro per disoccupati in condizione di particolare disagio sociale - Azione 1” (Classif. POR Fse : II.9I.6.1.2) e consiste in un’attività ausiliaria del servizio pubblico.

La Misura persegue i seguenti obiettivi:
  • rafforzare l’occupabilità in prospettiva del re-inserimento lavorativo e sociale di persone disoccupate, attraverso l’acquisizione e il consolidamento di competenze professionali e la conoscenza diretta del mondo del lavoro;
  • offrire un inserimento lavorativo ai lavoratori e lavoratrici provenienti dal cantiere precedente terminato nel corso dell’anno 2017, finalizzato al raggiungimento dei requisiti pensionistici.
Il cantiere di lavoro può essere attivato per lo svolgimento di interventi nel campo:
  • dell’ambiente (es.: valorizzazione del patrimonio ambientale attraverso attività forestali e vivaistiche, di rimboschimento, di sistemazione montana, di tutela degli assetti idrogeologici; valorizzazione del patrimonio pubblico urbano, extraurbano e rurale, compresa la relativa manutenzione straordinaria ecc..),
  • dei beni culturali e artistici (es: attività di salvaguardia, promozione nonché riordino o recupero e valorizzazione di beni archivistici, librari e artistici di interesse storico e culturale, ecc…);
  • del turismo (es: attività presso uffici o sportelli di promozione e di informazione turistica di comuni o di altri enti locali, attività di allestimento e custodia di mostre relative a prodotti del territorio organizzate da comuni o da altri enti locali, ecc…);
  • dei servizi di utilità pubblica o sociale (es: accudimento alle persone anziane, servizi a favore dei soggetti disabili ecc...).
Il cantiere di lavoro può prevedere, a supporto delle attività lavorative, azioni di accompagnamento e di formazione.
Si configura, ai sensi dell’art. 32 della LR 34/2008, come strumento di work fare, per cui l’indennità di partecipazione giornaliera erogata ai partecipanti è direttamente collegata alla presenza e allo svolgimento di una mansione operativa presso gli Enti beneficiari.
Gli interventi finanziati dal presente atto sono coerenti con quanto previsto dalla DGR 14.03.2016 n. 2030-37 “POR FSE 2014-2020. Approvazione Direttiva pluriennale per la programmazione dei Servizi e delle Politiche Attive del Lavoro. Atto di indirizzo per la formulazione dei dispositivi attuativi regionali. Periodo
2016-2018”.

Destinatari della Misura sono i disoccupati ai sensi del D.Lgs. 150/20152, non percettori di trattamenti previdenziali, in condizione di particolare disagio sociale di cui alla L.R. 34/08 art. 29 c. 1, lett. a), come di seguito elencati:
  • lavoratori/trici con età superiore o uguale a 45 anni;
  • lavoratori/trici con basso livello di istruzione e con condizioni sociali/familiari di particolare difficoltà/gravità anche in raccordo con i servizi socio assistenziali;
  • lavoratori/trici provenienti dal cantiere precedente terminato nel corso dell’anno 2017 per i quali l’applicazione dell’'art. 24 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (riforma Fornero) non consente di raggiungere, nel rispetto del comma 5 dell’art. 32 della L.R. 34/08 che disciplina il funzionamento dei Cantieri di lavoro, i requisiti pensionistici di vecchiaia o assegno sociale entro i 24 mesi dal termine del cantiere precedente.
  • Gli enti beneficiari del contributo potranno introdurre, nei singoli avvisi di selezione dei destinatari, priorità specifiche per l’accesso alla misura relative, ad esempio, a:residenza nell’area territoriale dell’ente beneficiario ove si svolge l’attività lavorativa del progetto;
  • specificità delle mansioni operative da svolgere nel progetto;
  • caratteristiche socio-demografiche quali, l’età, titolo di studio, l’Isee.
(NB. I destinatari non possono sommare l’attivazione dei cantieri di lavoro con sussidi al reddito regionali percepiti nell’ambito di altre politiche del lavoro, nonché qualsivoglia indennità a tutela dello stato di disoccupazione e/o emolumenti percepiti a titolo di ammortizzatori sociali).

Risorse disponibili e fonti di finanziamento
La dotazione di risorse messa a disposizione per l’esercizio 2018 è di € 2.500.000, articolata per ambito territoriale come di seguito riportato:

Costi ammissibili e modalità di riconoscimento
Sono ammissibili al progetto i costi a copertura dell’indennità giornaliera pari a massimo 34,25 euro/giornata (per un impegno giornaliero pari a 7 ore).
L’esposizione dei costi a copertura dell’indennità giornaliera avverrà a costi reali sulla base di quanto previsto nella sezione 6 “La rendicontazione di attività specifiche” del documento “Linee guida per la gestione e il controllo delle operazioni finanziate dal POR FSE 2014-2020 della Regione Piemonte” approvato con Determinazione Dirigenziale n. 807 del 15/11/2016.

Il bando non è destinato ai singoli disoccupati, ma ai Comuni in forma singola o associata che attiveranno i cantieri di lavoro per disoccupati, da impiegare in attività di pubblica utilità degli Enti proponenti.

scadenza bando: entro e non oltre le ore 12.00 del 60° giorno dalla data di pubblicazione del bando sul Burp
link al bando in originale
per info:
LAMORO scarl
via Leopardi, 4
14100 Asti
0141-532516
info@lamoro.it

27/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani