Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Confesercenti guida la "crociata" contro gli outlet

Incontro fra i vertici di Confesercenti e i rappresentanti della Regione, Ugo Cavallera e Riccardo Molinari, per chiedere una normativa chiara sugli outlet. Ed è "giallo" sugli oneri di urbanizzazione dell'ultimo centro commerciale di Alessandria: "il Comune li ha incassati, che fine hanno fatto"?
Quello fra Confesercenti e outlet è un confronto a distanza che dura da tempo e si inasprisce sempre più. Da un lato la grande distribuzione che rivendica le importanti ricadute occupazionali che è in grado di garantire, e per questo chiede spazi e infrastrutture; dall’altro l’organizzazione dei piccoli commercianti che ribadisce la necessità di una regolamentazione normativa per gli outlet che ne limiti “la capacità di drenare risorse dalle altre attività e la pesante  concorrenza”.
Per affrontare questi temi, i vertici della Confesercenti Alessandria hanno incontrato il vicepresidente della giunta regionale Ugo Cavallera e il vicepresidente del consiglio regionale Riccardo Molinari. Sul tavolo in particolare la presentazione di un documento che richiede alla Regione di stabilire, attraverso una legge, le normative, oggi mancanti, per l’attività svolta dagli outlet sul territorio. Come ha dichiarato Sergio Guglielmero, Presidente provinciale di Confesercenti, “l’onda lunga della crisi è ormai sul punto di travolgere il piccolo commercio. Ogni giorno i dati che raccogliamo sono sempre più preoccupanti e le misure a sostegno non solo tardano, ma in momenti come questo, di scarsa liquidità, le norme sul recupero fiscale si sono inasprite, rischiando di dare il colpo di grazia a un settore chiave della nostra economia”. In Italia gli outlet sono 24 e quello insediato a Serravalle è il più grande d’Europa. Gianni Berrone, responsabile dell’ufficio studi, precisa: “noi non desideriamo fare battaglie ‘contro’ qualcuno, bensì a difesa del piccolo commercio. Il punto è che ci troviamo di fronte a un caso di concorrenza sleale. Servono mercati regolamentati e trasparenti, con regole che valgano per tutti. I negozi in città hanno un ruolo fondamentale, non solo economico ma anche sociale, mentre gli Outlet impoveriscono le città”. “Il punto è che agli Outlet è tutto permesso perché non esiste una normativa specifica - prosegue Michele Frizza, direttore di Confesercenti - dovevano ospitare solamente negozi monomarca ma ormai non è così, in più, quel che è davvero grave, di fatto fanno saldi tutto l’anno, mentre i piccoli commercianti hanno periodi ben definiti. Non ultimo, con il tempo le grandi marche si sono organizzate per creare produzioni di seconde linee fatte apposta per questi centri, tradendo di fatto lo spirito originario dell’Outlet”.

A tutte queste sollecitazioni hanno risposto i due esponenti del governo regionale, che hanno ribadito la loro intenzione di proseguire nel lavoro di definizione di norme e regolamenti, pur nel rispetto delle parti e all’interno dei poteri conferiti alla Regione. “Deduco che la legge varata la settimana scorsa sia stata apprezzata - sostiene Riccardo Molinari (nella foto) - e stiamo facendo diverse cose: abbiamo sostenuto gli ambulanti, ma abbiamo anche sancito parametri chiari per gli oneri di urbanizzazione a carico della grande distribuzione. Dovranno essere utilizzati per la riqualificazione del centro urbano e a sostegno dei piccoli commercianti. Anche in merito alla creazione di tanti posti occupazionali rivendicata dagli outlet, è bene notare come spesso si tratti di contratti di scarsa qualità, con posizioni che possono essere perfino a rinnovo settimanale” Gli fa eco Ugo Cavallera, che rimarca: “il nostro obiettivo principale è il consumatore. Occorre lavorare su due livelli: in parlamento per avere norme quadro e a livello regionale per norme specifiche. Informerò William Casoni, assessore al commercio, di queste richieste. Da parte mia, come responsabile dell'urbanistica, posso dire ancora una cosa: oggi la Commissione deciderà come muoversi per la riqualificazione urbana, serve attenzione forte nelle scelte intraprese in tema di viabilità, parcheggi e pianificazione sul territorio. Per quel che riguarda i centri cittadini, intesi come centri commerciali naturali, vedremo se attraverso il nuovo fondo istituito - formato dalla somma di quote derivanti da tutti gli oneri urbanistici ndr - si riuscirà a dare sostegno proprio alle aree dove più forte è la presenza della grande distribuzione”. 
Intanto, a fine incontro, Gianni Berrone sottolinea la drammaticità della situazione in essere e la necessità che, oltre alla Regione, anche le amministrazioni comunali facciano fino in fondo la loro parte: “al quartiere Cristo nonostante la crisi dilagante abbiamo ancora 185 esercizi commerciali. Dall’inizio dell’anno però 5 negozi di alimentari hanno già chiuso i battenti. Il pagamento degli oneri urbani da parte della grande distribuzione dovrebbe servire proprio a compensare l’impatto negativo sul territorio, ma l’Amministrazione comunale deve poi mettere davvero a disposizione i fondi. Noi stiamo ancora aspettando i 480 mila euro derivanti dall’insediamento del centro commerciale ‘Panorama’ in città. I fondi sono arrivati in Comune ma da lì non se è più saputo nulla”.
25/07/2011

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani