Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Commercio e ristorazione: fatturato in calo

Rispetto all'anno scorso -2,4%. Per gli esercizi di vicinato un calo maggiore rispetto alle medie e grandi strutture di vendita. Bene invece cultura e tempo libero
PROVINCIA - Il commercio e la ristorazione in provincia di Alessandria soffrono l’immobilismo dell’economia: -2,4% la variazione media del fatturato delle imprese del comparto rispetto allo scorso anno. Giù prodotti casa e Ict (-9,7%) e abbigliamento (-8,9%), bene cultura e tempo libero (+6,1%) e discreta la ristorazione (+1,2%). Questi i risultati dell’indagine sul commercio e sulla ristorazione che, iniziata nel 2012, si affianca all’indagine congiunturale sull’industria manifatturiera, allo scopo di delineare un esauriente quadro economico provinciale e regionale. Entrambe le indagini sono condotte da Unioncamere Piemonte in collaborazione con gli Uffici Studi delle Camere di Commercio piemontesi. La rilevazione è stata condotta nei mesi di aprile e maggio 2013 con riferimento ai dati del periodo gennaio-marzo 2013, e ha coinvolto 136 imprese della provincia di Alessandria dei settori del commercio al dettaglio in sede fissa e della ristorazione, per un volume d’affari complessivo pari a quasi 400 milioni di euro.

“Il comparto soffre la stasi dei consumi interni - commenta il presidente della Camera di Commercio Piero Martinotti - Siamo lievemente sotto la media regionale, che registra -1,9%, ma la negatività o una positività inferiore all’1% accomunano tutte le province piemontesi. È necessario che riparta l’economia reale, che è composta principalmente da produzione e consumo. Mi auguro che il governo nazionale inizi veramente a intraprendere azioni atte a costruire un contesto vero di sviluppo di nuove imprese, alla ripresa di quelle esistenti e alla costruzione di nuovi veri posti di lavoro. Soltanto dopo il recupero della fiducia dei cittadini gli imprenditori riprenderanno le iniziative che le Camere di Commercio potranno con più efficacia supportare”.

Scomponendo il comparto del commercio e della ristorazione emerge subito la flessione del fatturato degli esercizi di vicinato (-5,9), maggiore rispetto al calo registrato dalle medie e grandi strutture di vendita (-1,8). La ristorazione tiene, con un +1,2%. Il dettaglio del fatturato degli esercizi di vicinato evidenzia un pesante calo dei prodotti della casa e Ict (-9,7%), dell’abbigliamento (-8,9%) e dell’alimentare (-7,5%). Bene cultura e tempo libero (+6,1%) e altri prodotti (+2,5%).
29/06/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano