Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Che fare dello Story Park?

La struttura di strada Masio è abbandonata da maggio e rappresenta un investimento di più di un milione di euro di fondi europei. I vecchi gestori: "Ricavi insufficienti". Il sindaco: "Pubblicheremo un nuovo bando"
OVADA - Rappresenta forse la sfida più dura tra quelle che da settembre in poi l’amministrazione dovrà affrontare. Per il valore simbolico che la vicenda ha assunta negli ultimi anni, per la necessità di dare comunque un senso alla scelta effettuata anni fa. Cosa fare dello Story Park? La struttura di strada Masio è chiusa da maggio, da quando cioè la vecchia gestione ha gettato la spugna. Il parco, nato nell’ambito di un progetto provinciale di promozione della storia locale, con l’obiettivo di riqualificare l’area oltre Stura occupata dal frantoio Gentile, è un progetto del valore complessivo di poco superiore ai 900 mila euro, cui vanno aggiunti i 500 mila per il varo delle vie del Fiume, l’altro “buco nero” realizzato tra 2008 e 2010 con fondi europei accanto ai torrenti Orba e Stura che oggi giace dimenticato e sempre in necessità di manutenzione straordinaria. Un elenco lunghissimo di “sfortune” quello dello Story Park. I lavori terminarono nel 2009. Prima un ricorso al Tar che di fatto stoppò l’abbattimento dell’ecomostro che si voleva eliminare. L’edificio, oltre al locale da circa 200 metri quadri, è stato realizzato per raccontare la storia del Monferrato e del territorio ovadese attraverso panelli e illustrazioni, presenti anche nell’area esterna per illustrare gli alberi tipici del territorio. Subito dopo la fine dei lavori si aprì un contenzioso con l’impresa costruttrice, La Giustiniana di Gavi, alla quale il Comune contestava un’errata esecuzione dell’intervento: distacchi di intonaco, infiltrazioni e, ora, anche una delle maxi vetrate vistosamente venata i problemi principali.

Poi un bando andato deserto nel 2011 e un secondo andato a buon fine con la famiglia Repetto che decise di provarci, unica proposta presentata, conclusasi una precedente esperienza alla Soms cittadina. “Abbiamo chiuso domenica – hanno ammesso al momento di riconsegnare i gestori che nel frattempo hanno aperto una gelateria a Rossiglione  - perchè non riuscivamo neppure a coprire le spese, neanche dopo l’ok del Comune ad ampliare la nostra attività alla ristorazione. Non c’è stato l’afflusso di turisti sperato nonostante il nostro grande impegno nell’organizzare eventi e aperture dedicate a studenti e anziani. I vincoli per i gestori sono troppi, per questo gettiamo la spugna”. Un problema, condito di schermaglie legali, anche con Giuseppe Pipino che all’interno della struttura ricevette l’incarico di allestire il “Museo dell’Oro”.  Pubblicheremo un altro bando - dice il sindaco Paolo Lantero -. Ridurre i vincoli di utilizzo per rendere più appetibile la struttura? Ci proveremo ma senz’altro non potrà diventare una discoteca”. “Una scelta sbagliata – incalza il consigliere di minoranza Giorgio Bricola (Patto per Ovada) – far arrivare quei fondi”. Qualche anno fa la proposta più sensata era quella di realizzarci un centro congressi. 

23/08/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa