Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lavoro

Cambiano gli orari degli uffici postali

Aperture anticipate. I sindacati in allarme: “Le Poste hanno abbandonato il tavolo di trattativa con i sindacati piemontesi e hanno unilateralmente programmato chiusure e riorganizzazioni degli uffici”
Da lunedì 30 gennaio negli uffici postali della provincia di Alessandria entreranno in vigore i nuovi orari dedicati al pubblico.Orario più lungo negli uffici postali a doppio turno che dal lunedì al venerdì apriranno gli sportelli alle 8,25 e chiuderanno alle 19,10 (il sabato dalle 8,25 alle 12,35). Per gli altri uffici postali a turno unico presenti sul territorio, il servizio inizierà, dal lunedì al venerdì, alle 8,25 per poi chiudere alle 13,35 (il sabato dalle 8,25 alle 12,35).
I piccoli uffici postali apriranno invece dal lunedì al venerdì dalle 8,15 alle 13,45, il sabato dalle 8,15 alle 12,45.
I sindacati sono in allarme. Poste Italiane – denunciano i sindacati Slp-Cisl, Uil-Poste e Confsal-Com – lo scorso 26 gennaio ha annunciato che, a partire da lunedì 30 gennaio, quindi appena quattro giorni dopo, sarebbero entrati in vigore i nuovi orari.
Al di là del preavviso davvero esiguo, c’è un ulteriore problema, come spiega Lorenzo Bisio della Cisl: “Non sappiamo quali sono gli uffici postali interessati dal provvedimento. Le Poste hanno abbandonato il tavolo di trattativa con i sindacati piemontesi e hanno unilateralmente programmato chiusure e riorganizzazioni degli uffici”.
“È palese il disagio che dovranno subire i dipendenti, avvertiti da un giorno all’altro del cambiamento del loro orario o della loro sede di lavoro. E quello dei cittadini, soprattutto quelli che abitano nei centri più piccoli, che magari troveranno le porte dell’ufficio chiuse” afferma ancora Bisio.
Secondo le nuove disposizioni, il personale dovrà entrare in servizio alle 7.55 e gli uffici dovranno aprire al pubblico alle 8.15 o alle 8.25 (a seconda del numero degli impiegati): oggi invece tutti gli uffici aprono al pubblico alle 8.30. Ad aprire alle 8.15 saranno gli uffici più piccoli, quelli che contano meno di tre dipendenti.
“I sindacati non sono contro le razionalizzazione degli orari di servizio – dice il sindacalista della Cisl – a patto che vengano effettuate su basi reali: calcolando, ad esempio, quante operazioni vengono fatte, il numero dei libretti o dei conti aperti, e così via. C’è invece la sensazione che Poste Italiane stia chiudendo gli uffici di quelle zone in cui, a causa dei pensionamenti mai rimpiazzati, ha meno impiegati di quelli che servirebbero. Tenendo chiuso un determinato ufficio per un giorno alla settimana, infatti, l’azienda può 'recuperare' un impiegato da inviare in un altro ufficio, e coprire così un buco in organico. Questa però è tutto fuorché una razionalizzazione”.
30/01/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani