Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Borghetto Borbera

Bundy, acque agitate allo stabilimento, riprendono gli scioperi

A pochi mesi dalla manifestazione dei dipendenti dallo stabilimento al municipio, Fim Cils, Fiom Cgil e Uilm Uil e rsu hanno proclamato lunedì e attuato da ieri, martedì 29 ottobre, sedici ore di serrata a singhiozzo, due ore a ogni fine turno.
BORGHETTO BORBERA - A pochi mesi dalla manifestazione dei dipendenti dallo stabilimento al municipio, ancora acque agitate alla Bundy di Borghetto. Fim Cils, Fiom Cgil e Uilm Uil e rsu hanno proclamato lunedì e attuato da ieri, martedì 29 ottobre, sedici ore di sciopero a singhiozzo, due ore a ogni fine turno.

Per la fabbrica che produce componenti per frigoriferi e che dà lavoro a 180 persone, in difficoltà dal 2008, è sempre più concreto il rischio di trasferimento all'estero. “Dopo lo spostamento delle linee dei condensatori – dicono Fim, Fiom e Uilm e rsu - nel nuovo stabilimento in Turchia, la situazione è sempre più preoccupante: a settembre, quando si è firmata la proroga del contratto di solidarietà, l’azienda ha comunicato che è stata spostata la sede di rappresentanza da Borghetto Borbera a Monaco.

Abbiamo chiesto già da questa primavera il piano industriale per conoscere le intenzioni su Borghetto. Ora l'azienda afferma che fino a fine novembre non è in grado di presentare il piano. Ci chiediamo se sia possibile che una multinazionale non sappia cosa intende fare fra pochi mesi, a gennaio”. Il 4 novembre tavolo istituzionale in Provincia con sindaci e parlamentari, “per chiamare – dicono i sindacati - la proprietà alle proprie responsabilità con un piano industriale per il mantenimento di Borghetto anche attraverso strumenti che la politica metta in campo per abbattere i costi”.

A luglio lo sciopero era stato proclamato dopo che l'azienda aveva comunicato sia la chiusura dell’altro sito di Carinaro, in Campania, nonché per la decisione di produrre un nuovo condensatore studiato e sviluppato a Borghetto in Turchia. Inoltre, era emerso che una nuova linea produttiva acquistata in Messico verrà installata sempre nello stabilimento turco. In occasione del corteo l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Enrico Bussalino si era impegnata a fare tutto il possibile per evitare il trasferimento del sito.



30/10/2013
Giampiero Carbone - g.carbone@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano