Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Bellavita: dichiarazione di fallimento la Vigilia di Natale. E ora?

Nessun regalo di Natale per i 25 dipendenti dell'area Wellness del centro Bellavita: alla Vigilia, il 24 dicembre, l'azienda aveva deliberato il fallimento. "Un vergognoso dissimulare - hanno commentato Cgil e Uil - e un atteggiamento verso i lavoratori che amareggia". Ora si attenderanno notizie dal Tribunale...
 ALESSANDRIA - Fino a cinque giorni fa si era in bilico e l'ago della bilancia ancora non pendeva nè verso il falimento, nè verso il salvataggio del complesso Bellavita, palestra e piscina. Una porta lasciata aperta per i 25 dipendenti dell'area Wellness, che fino alla fine hanno sperato in un "regalo di Natale", in una buona notizia anche grazie all'interessamento dell'amministrazione comunale nella figura del primo cittadino, Rita Rossa.

E invece non è andata così: "la sera di domenica 27 dicembre i lavoratori hanno ricevuto una mail da parte della Legale Rappresentante Monica Simonazzi che li avvisava della dichiarazione di fallimento di Wellness Age Srl deliberata in data 24 dicembre" hanno spiegato i sindacati Cgil e Uil.
La vigilia di Natale il Bellavita era già in fallimento, quindi. Così, sebbene ad oggi non siano chiare alle organizzazioni sindacali le tempistiche con cui si arriverà in tribunale, ciò che invece è limpido "è il tentativo di svuotare l’azienda rendendola ancora più appetibile a chiunque abbia intenzione di specularci liberamente sopra. Liberi da ogni vincolo, liberi da ogni obbligazione sui lavoratori, sulle loro assunzioni, insomma liberi da ogni obbligazione derivante da un passaggio diretto in barba a leggi, lavoratori e sindacati" hanno commentato i sindacati.

"Ci amareggia profondamente l’atteggiamento tenuto in ultimo dalla proprietà verso i propri dipendenti: ben poca cosa, rispetto alla deriva generale, sarebbe stata saldare le retribuzioni arretrate e garantire così un Natale accettabile ai lavoratori. Invece si è scelto una volta di più di far pagare questa situazione alle maestranze in primis e alla collettività poi visto che sicuramente si ricorrerà al Fondo di Garanzia Inps per il recupero delle ultime mensilità e dei Tfr". Un "dissimulare vergognoso" come è stato definito il comportamento dell'azienda, che ha taciuto le proprie intenzioni persino nei confronti dell’amministrazione comunale alessandrina.

Una nuova matassa da dipanare quindi per i sindacati, che però si chiedono "mentre noi siamo così impegnati per cercare le risposte che occorrono ai lavoratori, del centro cosa sarà? Quale indirizzo prenderanno ora le trattative in merito al personale? Davvero chiunque arrivi avrà la faccia tosta di fare spallucce quando pretenderemo la riassunzione di tutto il personale presente sino ad oggi?" "Attendiamo trepidanti il 2016. Perché noi ci saremo!".

29/12/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa