Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Amiu resta pubblica? “L'ipotesi ci piace, speriamo sia possibile”

Incontri decisivi nei prossimi giorni per Amiu e Atm. Per la municipalizzata della raccolta dei rifiuti di apre lo spiraglio Aral. Ma torna l'incubo stipendi: il Comune non ha soldi in cassa e si attente l'ok dalla tesoreria per l'anticipazione di cassa dei cinque dodicesimi
ALESSANDRIA - E' una corsa contro il tempo per salvare il salvabile nella galassia pubblica alessandrina. Il sindaco Rita Rossa lo aveva anticipato in più occasioni: “se non cambia qualche cosa, ci saranno soldi fino ad aprile”. E ora che ad aprile ci siamo, si scopre che forse non bastano neppure per il mese in corso. In queste ore ci sono febbrili contatti tra la ragioneria di Palazzo Rosso e la tesoreria per un via libera all'anticipazione di cassa dei cinque dodicesimi. “Non ci sono sodi per questo mese” avrebbe comunicato il ragioniere capo ai liquidatori Amiu. Non sarebbe una novità, in fondo.
C'è, d'altra parte, il rassicurante attivismo del prefetto Romilda Tafuri che l'altro giorno, in uno dei tanti incontri, ha confermato che il tavolo interministeriale potrebbe essere convocato entro la fine di questa settimana.
Sul fronte Amiu, intanto, si è aperta la speranza di un passaggio di tutti i 192 dipendenti dall'azienda in fase e liquidazione e Aral, fino all'apertura della gara europea.
“L'ipotesi ci è stata illustrata dal sindaco dopo il vertice con il Prefetto. In pratica Amiu proseguirebbe il suo iter di messa in liquidazione ma, poiché si tratta di un servizio di pubblica utilità, c'è la possibilità che vengano unificati i servizi di raccolta e smaltimento e che, conseguentemente, i dipendenti Amiu vengano 'comandati' ad Aral la quale proseguirebbe il servizio con i mezzi Amiu”, spiega Alessandro Porta di Uil trasporti.
Decisivo sarà l'incontro di giovedì 2 maggio, durante il quale sarà sciolta la riserva sulla possibilità di percorrere o meno questa strada che sarebbe vista di buon occhio dai sindacati, poiché “garantirebbe comunque di muoversi sotto un cappello pubblico, alternativa alla privatizzazione”.
Sarà poi da vedere con quali modalità passare da un'azienda all'altra e “con quali garanzie per i lavoratori”.
Sul fronte Atm, invece, oggi si apre il secondo tavolo tra sindacati ed azienda. “Atm dovrà entrare nel dettaglio del piano industriale, affrontando la questione organizzativa”, dice Porta. Anche in Atm cresce il rischio di un ritardo per gli stipendi poiché “l'azienda ha dovuto impiegare delle risorse nel rientro del debito verso i fornitori, pena il rischio che venisse a mancare la fornitura di gasolio”.
Continua anche l'attesa sul fronte Aspal dove oggi si terrà una assemblea sindacale per fare il punto della situazione.
24/04/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani