Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Torre di Carta: apre Tiziana Ferrario, chiude Nando Dalla Chiesa

Ad aprire il nuovo appuntamento con la Torre di Carta, a Novi Ligure, sarà la giornalista del Tg1 Tiziana Ferrario. A chiuderlo un altro nome di grande spessore, quello di Nando Dalla Chiesa, docente universitario figlio di Carlo Alberto, il generale dei carabinieri massacrato dalla mafia nel 1982
NOVI LIGURE – Ad aprire il nuovo appuntamento con la Torre di Carta, a Novi Ligure, sarà la giornalista del Tg1 Tiziana Ferrario, inviata in zone di guerra e oggi corrispondente da New York. A chiuderlo un altro nome di grande spessore, quello di Nando Dalla Chiesa, docente universitario figlio di Carlo Alberto, il generale dei carabinieri massacrato dalla mafia nel 1982.

Due ospiti d’eccezione, che però rappresentano solo una piccola parte del ciclo di incontri con scrittori, esperti, storici e docenti che prenderà il via venerdì 2 marzo e si concluderà il 20 aprile. Anche l’appuntamento di primavera con la Torre di Carta – la rassegna culturale organizzata dal Comune di Novi con l’associazione Librialsole – promette di essere di altissimo livello: otto i volumi che saranno presentati (con tre incontri pensati specificatamente per le scuole) oltre alla consueta fiera del libro e degli illustratori che sabato 10 marzo sarà allestita sotto i portici di corso Marenco.

Il programma della Torre di Carta prevede anche una settimana di appuntamenti dedicata alla donna proprio nel periodo della sua festa. Il 2 marzo la giornalista e conduttrice Rai Tiziana Ferrario, presso la biblioteca di via Marconi 66 (ore 21.00), presenterà il suo libro “Orgoglio e pregiudizi, il risveglio delle donne ai tempi di Trump”. Questo libro comincia una mattina a Washington, il 21 gennaio 2017, giorno della marcia storica di un milione di donne contro il presidente Trump e attraversa in presa diretta gli Stati Uniti fino ad arrivare in Italia. Un viaggio ricco di incontri e storie appassionanti, spesso difficili, molte delle quali sconosciute, in cui le donne sono tornate ad alzare la voce chiedendo rispetto agli uomini stesse opportunità di carriera, stessi salari e diritti.

Il 9 marzo, alle 18.00 presso la sala Azimut di via Roma 20, Margherita Lamesta Krebel, giornalista e scrittrice di cinema, teatro, arte e moda, parlerà del suo libro dedicato a una donna bella e impegnata: “Audrey Hepburn. Immagini di un’attrice”. Mito, icona di generazioni di donne e sicuramente tra le più significative attrici di cinema del Novecento, interprete certamente versatile e di grande professionalità, ma anche donna protagonista del suo tempo. Questo libro prova a svelare la persona attraverso la diva e viceversa; saranno anche proiettati spezzoni dei film della celebre attrice.

Si prosegue il 10 marzo con il libro “Obm – Ora basta Muoviti” di e con Stefano Storti. Il libro rappresenta un invito a darsi una mossa, in tutti i sensi. Logicamente si riferisce, prima di tutto, a fare un po’ di esercizio fisico; in realtà può essere esteso anche ad altre aree della vita: non bisogna perdere le occasioni per migliorarne la qualità.

Il 16 marzo sarà la volta di Bruno Morchio con il suo ultimo libro “Un piede in due scarpe”: Genova, inverno 1992, mentre le celebrazioni per i cinquecento anni dalla scoperta dell’America ridisegnano il fronte del porto, l’omicidio del giovane Luca sconvolge le vite di un gruppo d’inseparabili amici. Due investigatori sprofonderanno in un abisso di paure e ossessioni. Tra caruggi assediati dalla buriana, il grande freddo è quello che invade i cuori fino a incrinare ogni certezza, salvo una: mai sottovalutare le conseguenze dell’amore.

Sabato 17 marzo Cristiana Boido presenterà “Fenomenologia di Manuel Agnelli. Social e narrazione mitica ai tempi di X Factor”; dialoga con l’autrice Sandro Marenco. Come e perché Manuel Agnelli è diventato un mito social? E come nascono i Miti contemporanei? In un’analisi puntuale e irriverente, il viaggio del Giudice Cattivo di X Factor, principe delle tenebre e dell’alternative italiano, da straniero a eroe, sulle orme di Prometeo, Lucifero e Pippi Calzelunghe.

Il 23 marzo, per gli studenti degli istituti di scuola media superiore, è in programma il convegno “L’integrazione europea tra sfide, opportunità e scetticismi” con gli storici Guido Levi e Daniela Preda. Verrà presentato il volume “Euroscetticismi”.

Il 19 aprile Paolo Pombeni sarà a Novi per parlare del suo libro “Che cosa resta del ’68”. Il sistema scolastico, il lavoro, la cultura capitalista, la Chiesa, il ruolo della donna, la politica: come movimento di massa il Sessantotto intercettò i problemi innescati da un mondo che stava cambiando. Se le risposte che diede furono spesso velleitarie o sbagliate, esso tuttavia registrò e accompagnò quella transizione di civiltà di dimensioni epocali che si sarebbe manifestata appieno più tardi e che oggi ci sfida prepotentemente.

Infine, impegno civile dedicato agli studenti delle scuole, venerdì 20 aprile, con Nando Dalla Chiesa, ordinario di Sociologia della criminalità organizzata Università Statale di Milano, con la presentazione del saggio “Una strage semplice. La verità rimossa che portò a morte Falcone e Borsellino”. Il primo libro che si dia il compito di inquadrare le stragi, di inserirle nella nostra storia, di raccontarle e spiegarle mettendo insieme ciò che è pubblico, e che, come sempre, appena viene riordinato fa spavento. Quella strage «vide convergere Sud e Nord, economia e politica. Prese la rincorsa all’inizio degli anni Ottanta per conto della mafia palermitana e giunse all’appuntamento di dieci anni dopo in rappresentanza delle paure e ostilità di un intero sistema illegale».

«Nel complesso – spiega l’assessore alla Cultura Cecilia Bergaglio – il programma della Torre di marzo si caratterizza per la grande varietà degli appuntamenti, in grado di accontentare i gusti di tutti i lettori, e per l’attenzione ai temi di attualità, sui quali coinvolgiamo gli studenti e le studentesse degli istituti scolastici cittadini. Grazie anche agli ospiti d’eccezione, la Torre di Carta ha ottime potenzialità per superare i confini cittadini e diventare un appuntamento di riferimento per tutta la provincia».
27/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa