Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Tappa gaviese per il festival Lavagnino

Dopo il grande successo ottenuto e gli importanti ospiti di sapore internazionale che si sono avvicendati nelle varie tappe itineranti per la provincia alessandrina, giunge al termine la 15esima edizione del festival Lavagnino “Musica e Cinema”. La rassegna, presentata dall’orchestra classica di Alessandria e dedicata al grande compositore genovese, si chiuderà proprio nella sua città d’adozione dove ha vissuto per anni, Gavi
GAVI - Dopo il grande successo ottenuto e gli importanti ospiti di sapore internazionale che si sono avvicendati nelle varie tappe itineranti per la provincia alessandrina, giunge al termine la 15esima edizione del festival Lavagnino “Musica e Cinema”.

La rassegna, presentata dall’orchestra classica di Alessandria e dedicata al grande compositore genovese, si chiuderà proprio nella sua città d’adozione dove ha vissuto per anni, Gavi. Questa sera, venerdì 30 ottobre, il teatro civico del paese alle 21.00 ospiterà “Suoni dalla tv… Curiosità, sigle e spot dal mondo della televisione”. Uno sguardo inedito e originale su una parte di “creazione moderna” spesso trascurata e sottostimata nonostante il suo valore qualitativo e artistico. Un vero e proprio percorso storico, culturale e di costume che parte dagli anni ‘60 e giunge fino ai giorni nostri.

La serata, realizzata in collaborazione con il Comune di Gavi e l’associazione culturale “Commedia Community” del Teatro della Juta di Arquata Scrivia, sarà arricchita dalla proiezione di filmati d’epoca e contemporanei e godrà della voce narrante di Massimo Poggio, attore alessandrino noto al grande pubblico per i suoi ruoli teatrali, cinematografici e televisivi. Proprio a Poggio sarà conferito il premio “Lavagnino Fiction” 2015. La sua recitazione dei testi di Cristina Storaro e Enzo Ventriglia dell’associazione “Commedia Community” e di Mauro Buzzi accompagnerà i solisti dell’orchestra classica di Alessandria. I musicisti eseguiranno gli arrangiamenti di Luigi Giachino, docente di composizione presso il conservatorio “Paganini” di Genova, di immancabili brani di Lavagnino (Quindiciuomini, sigla de “L’isola del tesoro” del 1959 e I masnadieri, sigla dello sceneggiato omonimo del 1959), di Ortolani (La Freccia Nera, 1968), di Bach (la sigla di “Quark”), di Steiner (il tema di “Porta a porta”), di Morricone (Mosè, medley, colonna sonora del film tv del 1974), di Honky Tonky Train Blues, sigla di “Odeon. Tutto quanto fa spettacolo”, di De Sica (Cuore, 1984) e di molti altri ancora. L’ingresso al concerto, presentato da Luciano Tirelli, è stato fissato in 2 euro simbolici.
30/10/2015
Benedetta Acri - redazione@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano