Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Trattativa Stato-mafia, in un libro la verit sulle sentenze

I rapporti tra Stato e mafia sono sotto la lente d'ingrandimento della magistratura e dell'opinione pubblica. Per tentare di fare luce su queste vicende, uscito il volume "Commedianti - Andreotti, Berlusconi e la mafia", scritto dal giornalista Giampaolo Grassi e pubblicato dalle Edizioni Epok di Novi Ligure
NOVI LIGURE – Una pagina di storia recente del nostro Paese su cui non è stata ancora scritta la parola «fine»: i rapporti tra Stato e mafia rimangono tuttora sotto la lente d’ingrandimento della magistratura, della politica e dell’opinione pubblica. Per tentare di fare luce su queste vicende, è uscito il volume “Commedianti – Andreotti, Berlusconi e la mafia”, scritto dal giornalista dell’Ansa Giampaolo Grassi e pubblicato dalle Edizioni Epoké di Novi Ligure.

Il libro – che sarà presentato sabato 9 giugno nel salone di Palazzo Pallavicini in via Giacometti 22 (ore 18.00) – si addentra nel ginepraio dei processi che negli anni hanno indagato i rapporti fra Stato e mafia e lo fa usando come mappa le sentenze dei processi Andreotti e dell’Utri, i decreti dei giudici per le indagini preliminari sulle inchieste a carico di Dell’Utri e Berlusconi, le memorie, le requisitorie dei pubblici ministeri.

Giampaolo GrassiSui rapporti fra Stato e mafia è stato detto e scritto tutto e il contrario di tutto. Che sono avvolti da una coltre di mistero. Ma anche che le indagini e i processi vanno avanti da troppo tempo. Che i governi di Andreotti e Berlusconi erano condizionati dalla mafia. Ma anche che la lotta alla mafia ha ottenuto risultati determinanti. Che Andreotti e Berlusconi sono stati mafiosi. Ma anche che i giudici li hanno scagionati. Che la mafia riesce a pilotare il voto in Sicilia. Ma anche che certi sindaci e governatori dell’isola sono espressione dell’antimafia. Che nel 1994 la Seconda Repubblica è nata grazie a un patto fra Stato e mafia. Ma anche che l’arresto di Riina, nel 1993, ha segnato l’inizio della parabola discendente della mafia. Questo saggio ci conduce nel dedalo delle sentenze che ricostruiscono le “verità giudiziarie” della trattativa Stato-mafia.

Giampaolo Grassi, 45 anni, per dieci anni ha seguito la cronaca giudiziaria a Firenze, dove sono in corso le indagini sui concorrenti esterni a Cosa Nostra nelle stragi del 1993-1994. Dal 2016 si occupa di economia e finanza, a Milano. Nel 2015 ha pubblicato “Processo alla Trattativa. Stato-mafia: tre procure, tre verità”.
30/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano