Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Bosco Marengo

Santa Croce sara' sede del progetto SeSaMoH

Nominati dal comune i membri del comitato scientifico per la costituzione del Centro Internazionale per la Sicurezza del Patrimonio Culturale Mobile, che trovera' sede nel complesso dell'ex convento
BOSCO MARENGO - Il Comune di Bosco Marengo ha nominato i membri del comitato scientifico per la costituzione del Centro Internazionale per la Sicurezza del Patrimonio Culturale Mobile, che dovrebbe avere sede presso il complesso monumentale di Santa Croce. Si tratta di una iniziativa che l’amministrazione comunale di Bosco sta curando e sta portando avanti da anni e il nuovo comitato scientifico rappresenterà l’organo di consulenza per agire, a titolo gratuito, per scopi promozionali e di ricerca di finanziamento.

Secondo il progetto, il Comune di Bosco ospiterà nel complesso di Santa Croce il Centro Internazionale per la Sicurezza del Patrimonio Culturale Mobile, denominato in inglese SeSaMoH (Security and Safety of Mobile Cultural Heritage): il Centro si candida a diventare un punto di riferimento a livello internazionale per il recupero e la gestione dei beni culturali in caso di eventi naturali, come terremoti, e alluvioni, e antropici (rivoluzioni, vandalismi). Nel complesso di Bosco Marengo troveranno sede una squadra operativa mobile, un centro di controllo e coordinamento delle emergenze e un sistema di aule per la formazione di operatori provenienti da tutto il mondo: la vocazione di SeSaMoH è infatti internazionale, e da commesse estere si genereranno le risorse economiche e finanziarie necessarie al suo funzionamento.

Secondo la delibera approvata dalla giunta comunale, il Complesso di Santa Croce, per valore storico, artistico e culturale, potrà essere in grado di conferire al Centro SeSaMoH un grande potenziale in termini di immagine e comunicazione, trovando nella sicurezza del patrimonio culturale mobile una specifica vocazione funzionale, capace di garantirne la gestione efficiente e redditizia nel tempo. Il reperimento di risorse sarà strettamente legato alla qualità scientifica delle attività e all’esistenza di una rete di contatti e relazioni internazionali e per questo si è ora resa necessaria la costituzione di un Comitato Scientifico.
Il Comitato sarà composto da Angela Lamborizio (sindaco di Bosco), Sergio Olivero (Responsabile Area di Ricerca Sicurezza), Pietro Petraroia (Éupolis Lombardia) e Roberta Sabbatelli (Segreteria tecnica del Comitato). I membri del Comitato non riceveranno alcun compenso e quindi il Comitato non comporterà nessun onere per il Comune.

 
29/07/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano