Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Arquata Scrivia

I Provinciali, musica e parole "di frontiera" per uno spettacolo made in Arquata

Note e parole per raccontare sogni e vita in una città come tante, in una provincia come tante. Al Teatro della Juta di Arquata Scrivia va in scena fuori cartellone una delle nuove produzioni dell'associazione Commedia Community/Teatro della Juta, dal titolo "I Provinciali-ballate per inguaribili ottimisti"
ARQUATA SCRIVIA - Musica e parole “di frontiera” per raccontare sogni e vita in una città come tante, in una provincia come tante. Sabato 16 febbraio al Teatro della Juta di Arquata Scrivia va in scena fuori cartellone una delle nuove produzioni dell'associazione Commedia Community/Teatro della Juta, dal titolo “I Provinciali-ballate per inguaribili ottimisti”, un viaggio fatto di musica e parole che racconta una storia “di ordinaria follia”, che accade in un giorno qualunque, in una città qualunque, dalla quale sembra impossibile poter fuggire.

Protagonisti di questo racconto “di frontiera” la musica di un artista arquatese, Paolo Toso (chitarra e voce), accompagnato da Maurizio Focante (contrabbasso elettrico) e Alberto Bianchi (batteria), moderni menestrelli di questa storia, narrata con voce giovane e fresca da Simone Guarino e Marta Borille. Testo e regia sono di Enzo Ventriglia, a completare il taglio “made in Arquata” del progetto.

L'ironico racconto ha i sapori e i colori di una città sonnolenta e addormentata, una di quelle città di provincia dove non accade mai niente. Un ragazzo torna a vivere coi suoi dopo una carriera fallita nella grande città. Qui rincontra Caterina, il primo amore, che invece non ha mai avuto il coraggio di andarsene ed è finita a lavorare come cameriera nell'unico bar del paese. I due tornano a parlarsi dopo lungo tempo, scoprendosi diversi e disillusi. Tra ricordi d'infanzia, personaggi grotteschi e ambizioni frustrate, i due si ritrovano complici involontari di un gesto folle ma eroico, che li condurrà al termine di questo viaggio di ritorno.

La loro narrazione è accompagnata dalle canzoni “provinciali” del musicista arquatese Paolo Toso, classe 1968, che milita a cavallo degli anni Ottanta e Novanta in varie formazioni di rock italiano e new wave, consolidando così una vasta esperienza live. Nel 1995 approda in studio con il progetto Neogrigio, con il quale vince Rock Targato Italia, successo grazie al quale viene inserito in una compilation con Marlene Kuntz, Scisma, Ligabue. Negli ultimi anni pubblica il singolo “Il principe dei matti” e l’ep “L'uomo a una dimensione”. Nel 2010 e nel 2012 pubblica due album che, soprattutto grazie al tam tam online, ottengono un ottimo riscontro di vendite: “Poche parole di conforto” e “Ballate per inguaribili ottimisti”, dai quali sono tratti i brani dello spettacolo in programma sabato al teatro della Juta.

Inizio alle ore 21.00. Biglietti: interi 10 euro posto unico. Apertura biglietteria ore 20.00.
Info: Enzo Ventriglia cell. 345 0604219; mail teatrodellajuta@gmail.com; www.teatrodellajuta.com.
15/02/2019
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali