Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“Il profeta disarmato”: chi era Mansur?

Lunedì 28 settembre a Palatium Vetus “ Il profeta disarmato. La vita avventurosa di Giovanni Battista Boetti, il Mansur”. Nato a Camino, spaziò dal Kazakistan alla Georgia, dalla Persia alla Turchia, alla Cecenia e divenne un eroe nazionale per alcune di queste nazioni, tanto da venir chiamato “il liberatore”
ALESSANDRIA - Sarà dedicato all’enigmatica figura di Giovanni Battista Boetti, più noto come il profeta Mansur, l’incontro che si terrà presso la sala conferenze del Broletto di Palatium Vetus, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria (piazza della Libertà 28) lunedì 28 settembre alle 16 (l'ingresso è libero). La conferenza Il profeta disarmato. La vita avventurosa di Giovanni Battista Boetti, il Mansur è organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e dal Circolo Culturale I Marchesi del Monferrato. L’incontro sarà aperto dal saluto del presidente della Fondazione Pier Angelo Taverna, seguiranno gli interventi di Roberto Maestri e Dionigi Roggero.

“Per gli approfondimenti di storia locale - afferma il presidente della Fondazione Pier Angelo Taverna - questa volta si parlerà di un personaggio incredibile e poco conosciuto, Giovanni Battista Boetti, nato a Camino nel 1743, figlio del nostro Monferrato che, in viaggi avventurosi, specie in Oriente, spaziò dal Kazakistan alla Georgia, dalla Persia alla Turchia, alla Cecenia e divenne un eroe nazionale per alcune di queste nazioni, tanto da venir chiamato “el Mansur”, il liberatore. Una storia avvincente come un romanzo, romanzo di cui molte pagine devono ancora essere scritte, magari il 28 ne aggiungeremo qualche rigo”.

“Fin dal Medioevo – sottolinea Roberto Maestri - i piemontesi, in particolare alessandrini e astigiani, hanno manifestato interesse per il Mediterraneo Orientale; un interesse approfondito lo scorso anno in occasione del ciclo I Marchesi di Monferrato alle Crociate tenutosi proprio a Palatium Vetus. Ma non furono solo i dinasti monferrini a percorrere le insidiose strade dell’Oriente, ma anche uomini comuni - in particolare commercianti - che cercarono, e qualche volta riuscirono, di assicurarsi fortuna e ricchezza. Tra i personaggi attratti dal fascino del Levante non mancarono gli avventurieri: uomini che spesso hanno lasciato fugaci tracce nella storia oppure, come nel caso del Boetti, segnarono il destino di intere popolazioni".

Nella seconda metà del Settecento – ricorda Dionigi Roggero - Giovanni Battista Boetti più noto come il profeta Mansur, spinto dalla passione per il viaggio lasciato il piccolo villaggio monferrino di Piazzano di Camino, dove era nato nel 1743, attraversò tutta l’Europa occidentale e orientale. Dopo lunghe peregrinazioni l’intrepido frate domenicano fondò una nuova religione teocratica basata su elementi cristiani e musulmani. Poi, alla testa di ottantamila uomini conquistò l'Armenia, il Kurdistan, la Georgia e la Circassia, dove regnò come sovrano assoluto, prima di essere sconfitto dall’esercito di Caterina di Russia e rinchiuso in un monastero sul Mar Bianco, dove morì nel 1798”.
27/09/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano