Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Pertini: gli studenti si sfidano a suon di libri

L'eroismo di Bartali, l'infanzia difficile e la vita in tempo di guerra gli spunti di riflessione sviluppati nell'ambito di "Grappololibri" coinvolgendo gli alunni delle secondarie e dell'ultimo anno delle elementari
 OVADA - Hanno fatto squadra gli alunni delle scuole primarie e delle secondarie dell’Istituto Pertini. Quasi 150 ragazzi si sono cimentati nel progetto “Insieme leggere e pensare” nato all’interno delle scuole ovadesi, non solo per promuovere la lettura, ma anche come attività alternativa di comprensione e rielaborazione delle nozioni apprese. La giornata conclusiva è andata in scena la settimana scorsa nell’aula magna dell’istituto di via Galliera nell’ambito di “Grappololibri”, l’iniziativa portata avanti da diversi anni dal libraio acquese Piero Spotti. “Avevamo partecipato – spiega la coordinatrice delle attività, l’insegnante Patrizia Romero – ad Acqui all’edizione 2017. Da qui è partita l’idea di riprovare all’interno della scuola, per uno dei lavori di continuità che mettono assieme studenti delle elementari e medie”.

Ai ragazzi sono stati proposti tre titoli, consigliati dal libraio: “La bicicletta di Bartali” di Simone Dini Gandini, “Il drago non mi fa paura” di Natale Perego, “In piedi nella neve” di Nicoletta Bortolotti.  Lunedì scorso gli stessi autori hanno incontrato i ragazzi per una verifica di quanto appreso tramite domande e un testo da elaborare. Abbiamo – prosegue Romero – scelto tre storie di ragazzi. C’è il bambino figlio di Bartali che non vede il padre come il campione famoso ma come l’uomo che gli insegna che “il bene si fa ma non si dice”. C’è Giorgio, un ragazzino con mille problemi e un terribile segreto. E poi Sasha, una bambina all’apparenza fragile ma in realtà molto forte che si muove nella Kiev invasa dai nazisti e dice che “tutto è possibile se lo vuoi davvero”. “I canali dell’apprendimento dei nostri alunni – spiega la preside Patrizia Grillo – sono molto cambiati rispetto al recente passato. La lettura in alcuni casi si è fatto esercizio difficile per chi fin dall’età più giovane utilizza le tecnologie. Comprendere e soprattutto sviluppare un senso critico sulle cose è però un aspetto fondamentale che la scuola non deve trascurare. Ed è questo l’obiettivo reale di quest’attività”. Diversi i docenti: coinvolti in questi mesi di lavoro: Elisabetta Bruzzo, Iole Lombardo, Sabrina Molica, Luisa Russo, Vilma Parodi, Paola Icardi, Roberta Merlo, Elisabetta Sciutto, Simona Zanini, Milena Grosso, Arianna Canobbio, Alberto Motta, Margherita Tempesta, Patrizia Priano. Tra le varie fasi si è anche parlato di musica con il professor Francesco Ugas che con la sua chitarra e la sua musica ha amplificato quelle storie attraverso le analisi testuali di “Bartali” di Paolo Conte e “Girotondo” di Fabrizio De Andrè.
23/12/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa