Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Acqui Terme

La morte di Luigi Tenco non smette di far discutere

La scomparsa del cantautore di cassinese, a distanza di così tanti anni, continua ad essere oggetto di discussioni e polemiche anche e soprattutto relative ai metodi d'indagine dell'epoca
Si continua a parlare di Luigi Tenco, secondo la versione ufficiale, morto suicida in una camera d'albergo di Sanremo, durante i giorni del Festival, nell'edizione 1967 della popolare rassegna canora. Ora oltre 70mila italiani hanno sottoscritto, attraverso Facebook, una petizione per la riapertura dell'inchiesta sulla morte del cantautore nato a Cassine e sepolto nel cimitero di Ricaldone. Nonostante la magistratura sanremese abbia già riaperto l'inchiesta qualche anno fa, disposto l'autopsia sulla salma e poi archiviato definitivamente il caso come suicidio, avvenuto nella notte del 27 gennaio. Ma quali sono i nuovi elementi che dovrebbero portare ad un ulteriore approfondimento d'indagine?
“La mano di Luigi Tenco quella notte non ha sparato. Sulla mano destra del cantautore nel 2006 non sono stati rilevati residui di polvere da sparo. È stata segnalata solo la presenza dell'antimonio che molto probabilmente apparteneva alle sigarette, di cui Tenco era un accanito fumatore”, dicono i sottoscrittori della raccolta firme. Inoltre, il sito internet che ha promosso la petizione, rivela che “la pistola Ppk dell'artista cassinese non ha sparato perché è stata smontata e trovata completamente pulita. Inoltre Dalida (la cantante che si esibiva in quell'edizione del Festival con lo stesso brano di Tenco, “Ciao amore ciao”, ndr) quando è entrata nella camera dell'Hotel Savoy, non ha notato nessuna arma da fuoco; e la stessa versione è fornita da Paolo Dossena che, entrato dopo di lei, assicura di non aver visto nessuna pistola sulla scena del delitto e che, se ci fosse stata, l'avrebbe notata”.
A tutto questo è stato aggiunto che: “Sotto i glutei di Luigi Tenco non c'era la sua Walther Ppk ma un'altra pistola, una Beretta calibro 22”. Ma, sul popolare social network, i fan non si fermano qui e vanno decisamente oltre: “Il cantautore è stato ucciso su una spiaggia e poi riportato nella camera 219 dell'Hotel Savoy. Infatti è stata ritrovata sabbia sull'automobile di Tenco e sabbia nitidamente sui viso e sui suoi pantaloni”. Intanto, come ogni anno, anche nelle scorse settimane, si è rinnovato l'omaggio di un gran numero di ammiratori di Luigi Tenco, con la visita del suo sepolcro, nel cimitero di Ricaldone.
25/01/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa