Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cultura

Ultimi giorni per vedere L'Adorazione dei Magi

L'Adorazione dei Magi sarà visibile al pubblico ancora fino a lunedì quando partirà alla volta di Roma. Restano, però, le opere custodite all'interno del Museo di Santa Croce
Ultimi giorni di permanenza de L'Adorazione dei Magi di Giorgio Vasari nella basilica di Santa Croce a Bosco Marengo. 
L'ambiente dedicato al restauro dell'opera rimarrà aperto al pubblico fino a lunedì quando il dipinto partirà alla volta di Roma, per essere oggetto di una prestigiosa mostra a Palazzo della Cancelleria. 

L'opera vasariana, commissionata al pittore da Papa Pio V nel 1566 è stata asportata dalla cappella in cui si trovava custodita da secoli, per essere sottoposta ad un delicato intervento conservativo. Grazie alla disponibilità della ditta di restauro Kermes, l’ambiente in cui si trova attualmente, seppur in termini condizionati e contingentati, è aperto al pubblico, con tanto di possibile incontro e dialogo con i tecnici che si occupano dell’intervento.
A seguito di una seria ed approfondita campagna analitica, condotta attraverso i più sofisticati sistemi tecnologici di indagine, l’intervento sta evidenziando le più valide strategie per fermare un processo di degrado documentato da secoli, che crea forti elementi di precarietà alla tenuta della pellicola pittorica. 

Gli orari di visita al laboratorio di restauro allestito presso i locali del museo della basilica di Santa Croce - sino a lunedì, giorno di conclusione dell’opera - corrispondono a quelli che oggi consentono la visita alla chiesa: dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Giornata di chiusura: mercoledì.
Mentre la sala del capitolo sarà visitabile anche tutti i sabati e domenica, sempre negli stessi orari di visita della chiesa.

Resta aperta al pubblico la sala del museo dedicata alle testimonianze del famoso altare originario della basilica - la “Macchina d’altare a guisa di Arco trionfale” progettata dal Vasari - attraverso una rivisitazione organica della strategia espositiva che vede l’inserimento della gigantesca pala raffigurante il Martirio di San Pietro Martire.

Per ulteriori informazioni in merito all'opera dell'artista e alla struttura di Bosco Marengo - la guida al percorso espositivo è realizzata con la sola opera volontaria del gruppo di protezione Civile per i Beni culturali cb 90 Al 1 e dell’Associazione Amici di Santa Croce - vi invitiamo a visitare il sito del comune e alcune pagine tematiche sull'autore e il complesso monumentale

 
29/10/2011

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano