Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Il percorso dell'uomo attraverso l'universo: il drappo di Mawangdui

Sabato 2 giugno al Museo della Gambarina Fabrizio Bonanomi, esperto di medicina classica cinese, illustrerà i significati attraverso le interpretazioni dei simboli mitologici e rituali del drappo drappo funerario risalente al 168 a.C. e scoperto nel 1973
ALESSANDRIA - Si terrà sabato 2 giugno alle 21 al Museo della Gambarina - (piazza della Gambarina 1? la conferenza Il percorso dell'uomo attraverso l'universo il drappo di Mawangdui curata da Fabrizio Bonanomi. Da più di duemila anni di permanenza sotto terra, il drappo funerario, detto di Mawangdui, risalente al 168 a.C. e scoperto nel 1973, è un inesauribile documento, una sintesi potente dei passaggi da affrontare dalla vita alla morte. Fabrizio Bonanomi, esperto di medicina classica cinese, ne illustrerà i significati attraverso le interpretazioni dei simboli mitologici e rituali del drappo.

Nel sito archeologico cinese di Mawangdui sono state scoperte nel 1971 e portate alla luce negli anni successivi, tre tombe risalenti alla dinastia Han (II secolo a.C.). Durante gli scavi sono stati rinvenuti i resti del marchese di Dai, della moglie e di uno dei figli nonché un totale di circa tremila reperti di straordinaria fattura e perfettamente conservati. I reperti erano custoditi insieme ai corpi all'interno di bare ciascuna di essa inserita dentro due sarcofagi (come una matrioska) originariamente sigillati e interrati alla profondità di alcune decine di metri. Una delle tre tombe era ancora sigillata e una volta aperta ha rivelato al suo interno il corpo mummificato di una donna immerso in un liquido di conservazione che ne ha mantenuto i tessuti perfettamente conservati dopo più di duemila e duecento anni dalla morte. Il ritrovamento è stato definito come una delle maggiori scoperte archeologiche cinesi del XX secolo e paragonata, per importanza scientifica e storica alla tomba di Tutankhamon.

La conferenza chiude il ciclo di incontri intitolati "Corpo, Parola, Mente: Vita che si prende cura della Vita” organizzati dal Jikai Dojo e il Cerchio Vuoto, associazione per lo studio e la pratica del Buddhismo Zen Soto.
31/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano