Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Beat Circus: ''Per raddoppiare serve il sostegno degli ovadesi''

Il progetto c'è, sulla carta, ma per andare in porto serve un ulteriore sforzo. Anche economico - si parla di 5 mila euro -, al fine di allargare le aree per gli artisti e per i bimbi e diventare attrattivi per un pubblico ampio. “Su Music Raiser - spiega Andrea Cavanna, direttore artistico del Fesitval - può fare una donazione, piccola o grande, da 10 euro fino a 500".

OVADA - L'evento clou, quantomeno a livello musicale, delle ultime tre estati ovadesi, punta ad allargarsi. Da uno a due giorni, in compagnia di sonorità  reggae, latin rock, new wave, soul, funk, rap, artigianato locale e cibo. Il tutto nella già riconfermata location del parco Pertini. Si sta già lavorando alla quarta edizione nella speranza di poterla proporre l’8 e il 9 giugno prossimi. “Per realizzare il progetto di aggiungere al sabato di festival anche la serata del venerdì precedente, dalle 18 all’1, servono almeno 5 mila euro, tra cachet degli artisti e costi di allestimento” spiega AndreaCavanna, direttore artistico della rassegna con il collega Claudio Repetto.

Il progetto c'è, sulla carta, ma per andare in porto serve un ulteriore sforzo, che - promettono gli organizzatori - sarà ripagato. E non solo dalla line up dell'evento, ma anche attraverso gadget di vario tipo. “All’indirizzo www.musicraiser.com/projects/9432 - prosegue Cavanna - può fare una donazione, piccola o grande, da 10 euro fino a 500. Per ricambiare la generosità di chi deciderà di credere nel nostro sogno e sostenerci, ci saranno regali proporzionati al contributo, dal ringraziamento sui social alle magliette logate, dai buoni per birra e cibi da spendere durante il festival fino all’alloggio in un agriturismo della zona per i due giorni di festa”. Mancano meno di venti giorni per raggiungere la cifra necessaria. Chi farà le donazioni più consistenti (rispettivamente da 500 e 300 euro) potrà avere una poltrona di design realizzata da uno degli artisti che partecipano a Beat Circus, o, addirittura, avere i giovani dell’associazione Peak Beat a casa propria, per una festa a domicilio con 4 ore di dj set. Dal 2014 la manifestazione si è segnalata per essere una piccola finestra di musica di qualità, richiamando tanti giovani da tutta la provincia. “Vorremo allargare le aree per gli artisti e per i bimbi e diventare attrattivi per un pubblico ampio, che arrivi anche da Genova, Milano, Torino – conclude Cavanna - Il Comune ha detto “sì” al raddoppio e ora speriamo che gli ovadesi ci sostengano. Molti dei performer del festival ci hanno già dato il loro contributo e li ringraziamo, ci sta appoggiando anche un nome come Carlo Pastore del MiAmi Festival”. 

 

 

28/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa