Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Agli Incontri d’autore Giulio Massobrio presenta “Tierradentro”

Lo scrittore alessandrino presenterà il suo ultimo romanzo lunedì 12 novembre a Cultura e Sviluppo. Colombia, 1948: un illustre archeologo scomparso nella foresta, tombe antichissime depredate, Bogotà scossa dai disordini e su tutto le trame dei nazisti fuggiti dall’Europa che cercano di rialzare la testa...
ALESSANDRIA - Sarà Giulio Massobrio il protagonista dell’Incontro d’autore che si terrà lunedì 12  novembre alle 18 a Cultura e Sviluppo in piazza De André. Lo scrittore alessandrino presenterà il romanzo Tierradentro (Bompiani). Massobrio è autore, tra l’altro, di A occhi chiusi (Newton Compton, 2011), L’eredità dei Santi (Bompiani, 2013), Rex (Bompiani, 2014) e Autobus bianchi (Bompiani, 2016). Introduce e modera l’incontro Maria Grazia Caldirola.

Colombia, 1948. Un illustre archeologo scomparso nella foresta, tombe antichissime depredate, Bogotà scossa dai disordini: e su tutto le trame dei nazisti fuggiti dall’Europa che cercano di rialzare la testa. La guerra è appena finita quando Martin Davies viene incaricato dai servizi segreti britannici di ritrovare il professor Kant, archeologo come lui, scomparso nelle foreste colombiane mentre lavorava in un sito di straordinaria importanza. Questa almeno è la ragione ufficiale della sua missione in Sudamerica. Quella vera è l’indagine sulla riorganizzazione del nazismo in un terreno favorevole. La copertura di Martin salterà presto lasciandolo immerso nel clima di tensione che avvolge la Colombia: da una parte Gaitán, leader del movimento populista, impegnato nel riscatto delle masse, mentre è in corso la Conferenza Panamericana; dall’altra don Enrique Montoja, emblema mellifluo e violento dei grandi ricchi per nulla disposti a cedere privilegi. Tra le complicazioni disseminate sul cammino di Martin due donne bellissime, Carmen Luz, figlia di un pilota tedesco sparito nel nulla, e Consuelo, mantenuta e guerrigliera. Mentre le strade di Bogotà si riempiono di sangue e la foresta tende trappole, antichi riti attirano l’uomo occidentale chiedendogli di sospendere l’incredulità per abbandonarsi a una magia che viene dal passato remoto.
10/11/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cultura e Sviluppo


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa