Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Treni e stazioni al setaccio: evasione media del 7,5%

Quasi 21 mila controlli nell’ultima settimana, verifiche a terra e a bordo di 135 treni regionali fra i più sensibili al fenomeno dell’evasione: questa è l'attività messa in piedi sulle linee ferroviarie del Piemonte da Trenitalia e Protezione Aziendale. La percentuale media di irregolari riscontrata è stata del 7.5%
 CRONACA - Quasi 21 mila controlli nell’ultima settimana, verifiche a terra e a bordo di 135 treni regionali fra i più sensibili al fenomeno dell’evasione, individuate oltre 1500 persone non in regola, 456 biglietti venduti sui treni per un importo di 4 mila 450 euro, 171 verbali di accertamento emessi per un importo di 38 mila 800 euro.
È il bilancio dell’ultima settimana della sistematica attività antievasione condotta in Piemonte da Trenitalia Regionale e da Protezione Aziendale con il periodico supporto di un team nazionale di controllori. Una lotta senza tregua contro i “furbetti” per recuperare risorse e migliorare la qualità del viaggio di chi paga il biglietto.

Circa 30 agenti suddivisi in squadre hanno “setacciato” tutte le linee del Piemonte, concentrando le attività sui treni e nelle fasce orarie a maggior rischio evasione. I pool costituiti da più persone hanno anche una funzione dissuasiva nei confronti di possibili reazioni aggressive. Ciò nonostante, per ben 19 volte è stato necessario richiedere l’intervento della Polizia Ferroviaria.

E se la percentuale media di irregolari riscontrata è stata del 7.5%,  i controlli dell’ultima settimana hanno confermato differenze significative fra le varie linee.Tassi più alti, con punte fino al 20% si sono registrati sulla Novara - Domodossola. Intorno al 10% l’evasione sulla Santhià – Biella – Novara. 7.650 viaggiatori controllati sulla Torino – Milano hanno fatto riscontrare una percentuale di evasione di circa il 7.5%. Sulla Torino – Susa/Modane la percentuale è del 7% e sulla Torino – Genova dell’8.3%. La Torino – Fossano – Cuneo si attesta sul 6% su 5160 viaggiatori controllati.
 
Questo nuovo approccio al fenomeno dell’evasione punta a recuperare risorse finanziarie a beneficio della stragrande maggioranza dei viaggiatori, che paga il biglietto e l’abbonamento, e delle Regioni, cui compete l’onere di finanziare il servizio.
Infatti, sebbene i viaggiatori non in regola siano più numerosi sulle tratte brevi e al tasso medio di evasione, calcolato sulle persone, non corrisponda un'analoga percentuale di minori incassi, il recupero di risorse contribuirà comunque al proseguimento del percorso di ammodernamento e potenziamento della flotta regionale già avviato da Trenitalia.
30/05/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa