Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Castellazzo Bormida

Tenta una truffa a una commerciante ma scatta la denuncia

Tentata truffa, ricettazione e sostituzione di persona: per questo un uomo di 48 anni, residente in provincia di Caserta è stato denunciato dai Carabinieri
CASTELLAZZO BORMIDA - I Carabinieri hanno denunciato per tentata truffa, ricettazione e sostituzione di persona un uomo di 48 anni, residente in provincia di Caserta, già noto alle forze del'ordine. L’indagine ha preso spunto dalla denuncia presentata ai primi di settembre dell’anno scorso da una donna la quale riferiva che era stata contattata sul numero di telefono della sua attività commerciale da un uomo che si qualificava come dipendente della Lottomatica, dicendo che doveva eseguire un nuova procedura per evitare che si bloccassero il terminale e le relative operazioni. Una volta effettuato il riavvio del sistema, l’uomo ha chiesto alla donna di effettuare cinque ricariche da 300 euro l’una su una piattaforma on-shop, chiedendo poi il codice PIN indicato sulle cinque ricevute emesse per tali operazioni, col pretesto di stornarle e non metterle in pagamento.

Però quando la donna ha stampato il prospetto giornaliero delle operazioni effettuate ha notato che in realtà erano state messe in pagamento, capendo di essere stata truffata e riuscendo però, tramite Lottomatica, a bloccarle prima che le somme fossero acquisite dal truffatore. Partendo dal numero che aveva chiamato l’esercizio commerciale, i Carabinieri sono risaliti alla proprietaria del numero, la quale però è risultata estranea ai fatti perché aveva subito il furto del suo documento di identità, successivamente utilizzato per attivare il numero di telefono con cui è stata effettuata la truffa. I militari dell'Arma hanno scoperto che l’uomo era già stato individuato dai comandi carabinieri di altre regioni come l’utilizzatore di quel numero di telefono che usava per le truffe negli esercizi commerciali, utilizzando sempre lo stesso stratagemma che in altre occasioni era andato a buon fine, ma non in questa circostanza perché la titolare dell’attività, non fidandosi, ha avuto la prontezza di verificare quasi subito se le ricariche erano state messe in pagamento. L’uomo è stato quindi denunciato all’Autorità Giudiziaria per tentata truffa, ricettazione e sostituzione di persona.
20/03/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione