Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Sulla piscina una causa da 1,2 milioni di euro

La ditta romana che ha realizzato l'impianto di Arquata Scrivia chiede al Comune un milione e 244 mila euro per i lavori. Soldi non dovuti secondo l'amministrazione Spineto, che anzi ha applicato all'azienda costruttrice una penale per il ritardo nelle certificazioni degli impianti
ARQUATA SCRIVIA – Una causa da oltre 1,2 milioni di euro vede contrapposti il Comune di Arquata Scrivia e la Edil Contract srl, l’azienda di costruzioni che ha realizzato la piscina aperta al pubblico nel luglio 2013.
La ditta romana si è infatti rivolta al tribunale di Alessandria per chiedere il pagamento di un milione e 244 mila euro, per quelle che in gergo tecnico si chiamano “riserve” (in pratica ha chiesto un maggior compenso rispetto a quello pattuito con la gara d’appalto, una prassi normale quando l’appaltatore ritiene che il capitolato fosse per qualche motivo scritto “al risparmio”). L’amministrazione comunale arquatese, però, non solo non vuole sborsare un euro, ma si appresta a resistere in giudizio e a chiedere a propria volta il pagamento di un indennizzo.

L’apertura dell’impianto, costato poco più di 2,6 milioni di euro, ha subìto diversi ritardi. Una situazione che il Comune non ha tollerato, tanto da applicare le penali previste dal contratto. A marzo di quest’anno, 177 mila euro erano stati decurtati dal compenso dovuto alla Edil Contract, per il ritardo con cui l’azienda aveva presentato le certificazioni degli impianti. La ditta romana non l’aveva presa bene e aveva preannunciato l’intenzione di citare in giudizio il Comune per il pagamento dei lavori e dei danni. Così ha fatto e il 30 ottobre si aprirà il processo.

Il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Francesco Bisignano si sente sicuro delle proprie ragioni: “Nel respingere le riserve della Edil Contract ci siamo avvalsi del parere concorde di ben quattro tecnici: il responsabile del procedimento, il direttore dei lavori e due collaudatori – ha detto Bisignano – Tutte e quattro le relazioni hanno sancito che le pretese della ditta costruttrice non erano fondate”. Ora la parola passa ai giudici.

Il servizio completo sul Novese in edicola a partire da giovedì 2 ottobre.
27/09/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa