Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Sfondano il muro con un piccone ma scatta l'allarme

Tentata rapina l'altra notte al Cristo, in corso Acqui. Ignoti hanno sfondato un muro con un piccone e tentato di aprire la cassaforte con la fiamma ossidrica, ma è scattato il sistema di allarme che ha messo in fuga i malviventi
ALESSANDRIA - Tentata rapina l'altra notte al Cristo, in corso Acqui. Ignoti hanno sfondato un muro con un piccone e tantato di aprire la cassaforte con la fiamma ossidrica, ma è scattato il sistema di allarme che ha messo in fuga i malviventi.
L'episodio, su cui sta indagando la Polizia, è avvenuto la scorsa notte, alle 04,00 circa. 
Scattato l’allarme, collegato con la Sala Operativa della Questura, la Volante si è precipitata sul posto al fine di verificare se vi fossero anomalie.
Da un primo controllo esterno, sembrava tutto apparentemente nella norma, tanto da far pensare ad un falso allarme.
Giunti all’interno della gioielleria, però, gli agenti di Polizia hanno immediatamente avvertito un forte odore di bruciato.
Difatti, era scattato il sensore che segnala il surriscaldamento della cassaforte, danneggiata nella parte posteriore.
Da successivi accertamenti, gli operatori di Polizia hanno constatato che la porta sul retro del negozio adiacente, al momento chiuso per ristrutturazione e cambio gestione dove, nei giorni scorsi, erano presenti degli operai, era stata divelta.
I malfattori, dunque, passando dal cortile condominiale, con un piede di porco di 70 centimetri ed un piccone di 40, ritrovati all'interno dell'area, spaccando il muro e forzando la porta, hanno tentato di aprire la cassaforte, così raggiunta, provocando, presumibilmente con l’uso di una fiamma ossidrica, un foro di circa 50/60 cm.
Grazie all’allarme che ha consentito agli operatori di intervenire tempestivamente, i malviventi hanno desistito dal compimento dell’azione criminosa, scappando così repentinamente da lasciare nel giardino condominiale, accanto al muro di cinta “gli strumenti da lavoro”, utilizzati per mettere a segno il colpo.
Il piede di porco ed il piccone sono stati sottoposti a sequestro.
Grazie all’informazione data dalla Polizia di Stato, prontamente recepita dai cittadini, di attivare congrue misure di difesa passiva come in questo caso, l’allarme, ma anche servizi di videosorveglianza che sono posti in ausilio all’attività di prevenzione e/o di repressione svolta, é stato possibile sventare un furto che, laddove fosse stato portato a termine, avrebbe cagionato un danno di migliaia di euro alla gioielleria.
La Polizia di Stato, nel rinnovare l’appello ai cittadini di effettuare, sempre con la massima tempestività, ogni segnalazione di qualunque movimento sospetto, raccomanda la massima prudenza, ricordando di non intervenire direttamente, al fine di salvaguardare la propria incolumità fisica e di utilizzare ogni mezzo di difesa passiva, a protezione dei propri beni.
26/02/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa