Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Rapina agli Archi, indagini serrate

Il questore Filippo Dispenza assicura la “massima attenzione” per individuare i responsabili della rapina alla gioielleria del centro commerciale Archi. I testimoni: “scene da film, non ci possiamo ancora credere”
Indagine a tutto campo per individuare i responsabili della rapina alla gioielleria al centro commerciale Gli Archi di viale Massobrio. Massimo riserbo da parte delle forze di polizia ma il questore assicura “ci sarà la massima attenzione su un caso che non può restare senza responsabili”. Si cerca anche fuori provincia un gruppo di cinque o sei persone che potrebbero avere già agito con le medesime modalità. in altre zone d'Italia. Le indagini dovranno chiarire molti apsetti di un'azione che lo stesso questore ha definito "anomala", vista l'entità del bottino, che potrebbe aggirarsi tra i 100 e i 300 mila euro. 
La banda è entrata in azione poco prima delle 20, all’orario di chiusura, prendendo di mira la gioielleria situata nella galleria laterale del complesso. In due hanno bloccato la commessa, ammanettandola e minacciandola. Nel frattempo gli altri hanno versato del liquido infiammabile, forse gasolio, delimitando la zona dell’azione e impedendo vie di fuga o di accesso per le forze dell’ordine o, semplicemente, per creare scompiglio. Si sono però assicurati un corridoio di fuga verso l’uscita di sicurezza laterale. Si sono sentite anche delle esplosioni, forse causate dallo scoppio di estintori. L’azione è durata pochi minuti, giusto il tempo di rompere le vetrine che contenevano i preziosi, arraffare i gioielli e fuggire. Dopo pochi minuti sono arrivati le volanti della questura che hanno raccolto le prime testimonianze. All’interno della galleria erano infatti presenti ancora clienti e gli addetti ai lavori dei negozi vicini. “Sembrava la scena terribile di un film, ma purtroppo era la verità. Uomini incappucciati hanno iniziato a spargere del liquido a terra e poi ha iniziato ad alzarsi nei locali fumo e odore – racconta una commessa – Non capivo cosa stava accadendo, non potevo scappare dall’uscita per via delle fiamme, così mi sono diretta verso quella di emergenza. La cosa più terribile era sentire le urla della collega provenienti dal negozio vicino e noi che non sapevamo cosa fare. Se penso che spesso i miei figli a quell’ora vengono a prendermi e avrebbero potuto essere qui, sto ancora male”.
“Certo che ora siamo tutti un po’ impauriti – dice un altro – anche se oggi eravamo tutti qui, al lavoro”. E ancora: “c’era un fumo denso e nero, e l’aria era irrespirabile. Un incubo”


27/10/2011

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano