Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Punti nascita accorpati, i parti calano del 18 per cento

Nel corso del 2013, tra i nosocomi di Novi e Tortona si sono registrati in totale 770 parti. Nel 2012 i parti erano stati 505 al San Giacomo e 434 a Tortona. Ma la riduzione, spiegano dall'Asl, era attesa e in parte determinata dal calo generale delle nascite
NOVI LIGURE – Va avanti per tappe l’accorpamento dei punti nascita in provincia di Alessandria, disposto dell’Asl. Dopo Tortona, il prossimo 30 giugno chiuderà anche quello di Acqui Terme, e le donne in gravidanza saranno indirizzate verso gli ospedali di Alessandria e di Novi Ligure.
L’obiettivo è quello di avere reparti ospedalieri che gestiscano un migliaio di parti all’anno: un numero che, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, garantisce maggiore sicurezza alle mamme e ai nascituri. Se il sistema è “più collaudato”, infatti, diminuiscono gli errori e si riduce anche il ricorso al parto cesareo.

Nel corso del 2013, tra i nosocomi di Novi e Tortona si sono registrati in totale 770 parti (di cui 132 nel primo quadrimestre a Tortona). Nel 2012 i parti erano stati 505 al San Giacomo e 434 a Tortona. "La diminuzione del 18 per cento registrata confrontando il totale dei parti nei due anni è un risultato in linea con le aspettative, soprattutto se si considera il fatto che è in atto un progressivo calo generalizzato delle nascite nel quadrante [province di Asti e Alessandria; ndr] valutabile intorno al 10 per cento", spiega Federico Tuo, responsabile di Ostetricia-Ginecologia a Novi.

Nei primi mesi del 2014 nel punto nascita del San Giacomo si sono avuti mediamente due parti al giorno, "il che fa ben sperare in un apprezzabile risultato a fine anno, tenuto anche conto che dal primo di luglio parte delle gravide dell’acquese faranno riferimento a Novi, a seguito della chiusura del punto nascita di Acqui Terme", afferma ancora Tuo.
A questi dati si affianca un altro risultato giudicato «decisamente positivo» dai sanitari, che è la contestuale riduzione del numero dei tagli cesarei primari: ora sono 1 su 5, al di sotto dell’obiettivo fissato dalla Regione Piemonte.

"Dallo scorso mese di dicembre inoltre, grazie alla disponibilità continua di un anestesista dedicato, le donne che decidono di partorire a Novi possono richiedere anche l’analgesia peridurale, meglio conosciuta come “parto indolore”, finora disponibile 24 ore su 24 solo nel punto nascita di Alessandria", conclude Federico Tuo.
26/06/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano