Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Processo Polo Chimico, anche Edison responsabile civile

L'avvocatura di stato indica anche Montedison, oggi Edison, tra i responsabili civili per inquinamento e la mancata bonifica a Spinetta. Ma il Comune di Alessandria non è ammesso come parte civile verso il colosso della chimica
ALESSANDRIA - Edison entra come responsabile civile nel processo penale in corso a palazzo di Giustizia di Alessandria, insieme a Solvay e agli imputati. A chiederne la citazione è stata l'avvocatura di stato, tramite il legale del Ministero dell'Ambiente, l'avvocato Perotti, nel corso dell'udienza di ieri, 26 febbraio, davanti alla Corte d'Assise.
Solvay, in qualità di "acquirente" di Ausimont, è stata citata anche per i reati contestati agli ex dirigenti Ausimont – Cogliati, Boncoraglio e Tommasi – tra il 1995 e il 2002, cioè in epoca precedente all'acquisto del sito di Spinetta Marengo. Montedison/Edison entra in gioco come società controllante di Ausimont.
In aula, l'avvocato di Edison ha tentato di sostenere, tra l'altro, come Ausimont, acquistata poi da Solvay, fosse sì una controllata, ma anche società autonoma a tutti gli effetti, con un suo consiglio di amministrazione e una sua dirigenza.
Dal canto suo Solvay, difesa dall'avvocato Giulio Ponzanelli, sostiene il contrario: “i tre imputati Ausimont di fatto hanno sempre agito per conto di Montedison/Edison che, in quanto capogruppo di Ausimont, ne controllava e dirigeva le politiche ambientali, comprese quelle di Spinetta Marengo”. Solvay ha quindi chiesto l'esclusione di responsabilità, indicato Montedison/Edison quale responsabile.
Alla fine dell'udienza, il presidente della corte, il giudice Alessandra Casacci, ha comunicato la decisione di respingere le istanze di esclusione presentate sia da Solvay che da Edison e di accettare quindi la costituzione di responsabilità civile delle due aziende. A restare, invece, al palo è il Comune di Alessandria che, sulla scia dell'avvocatura di Stato, chiedeva di costituirsi parte civile non solo di fronte agli imputati (posizione già accolta) ma anche verso le due aziende. A sostegno della richiesta del Comune, Simonelli ha citato il fatto che Edison abbia fatto domanda di entrare a far parte delle conferenze dei servizi per la valutazione dei piani di bonifica, esercitando di fatto il suo ruolo di società controllante. La richiesta del Comune, avanzata tramite l'avvocato Simonelli, non è però stata accolta.
Già fissato il fitto calendario delle prossime udienze: 13 marzo, appuntamento il 18 e il 27 marzo, il 10, 17 e 24 aprile, i giorni 8, 13, 22 e 27 maggio.
28/02/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano