Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Polizia Locale: due denunce

Identificati un writer e un uomo senza permesso di soggiorno che vendeva capi d'abbigliamento contraffatti
Due interventi della Polizia Locale di Casale Monferrato hanno portato la scorsa settimana alla segnalazione di un writer vercellese per deturpamento e imbrattamento aggravato e di un senegalese per commercio di capi d'abbigliamento contraffatti e clandestinità.
A seguito di un’intensa attività di indagine svolta dagli uomini del comandante Maurizio Prina in collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Vercelli si è pervenuti all'identificazione un writer vercellese di 38 anni che, nel corso dell'estate 2011, deturpò con scritte il sottopassaggio della stazione ferroviaria di Casale Monferrato e un’abitazione privata sulla provinciale 31 per Vercelli, in frazione Casale Popolo.
All'epoca dei fatti furono trasmesse denunce contro ignoti alla Procura della Repubblica: grazie agli scambi informativi sul mondo dei cosiddetti writers tra la Polizia Locale di Casale Monferrato e la Squadra Mobile della Questura di Vercelli, la settimana scorsa è stata effettuata una comparazione degli imbrattamenti perpetrati in città con analoghi episodi accaduti a Vercelli.
All'esito della comparazione con il materiale in possesso della Squadra Mobile di Vercelli non è emerso alcun dubbio circa l'assoluta identicità del carattere grafico degli imbrattamenti (costituiti da firme, in gergo "tag") lasciate dal writer vercellese, già precedentemente identificato, indicanti gli acronimi "Fetente" e "Thiago".
Il responsabile è stato pertanto segnalato all’Autorità Giudiziaria per il reato di deturpamento e imbrattamento aggravato (art. 639 codice penale).
Venerdì 2 marzo, invece, durante il mercato di piazza Castello, agenti della Polizia Locale hanno individuato un cittadino senegalese, di 50 anni, intento a esibire per la vendita capi d'abbigliamento contraffatti.
L'uomo, che alla vista degli agenti ha tentato la fuga, è stato immediatamente bloccato. Il successivo controllo ha portato al sequestro di numerosi capi d'abbigliamento contraffatti, giacche a vento, giubbotti, borse, portafogli, cinture e polo riconducibili a noti marchi d'abbigliamento come Louis Vuitton, Fendi, Gucci, Fred Perry, Moncler, Belstaff, Napapijri e Peuterey.
Dai controlli effettuati, l’uomo risultava inoltre clandestino sul territorio nazionale, pertanto è stato segnalato all'Autorità Giudiziaria per i reati in materia di contraffazione del marchio e ricettazione e per il reato di permanenza irregolare sul territorio nazionale.
“È doveroso ricordare – hanno spiegato il comandante Maurizio Prina e il vice commissario Vittorio Pugno - che in materia di contraffazione anche l'acquisto è punito dalla legge con una sanzione pecuniaria da 500 fino a 10 mila euro, qualora l'acquirente non accerti preventivamente la legittima provenienza della merce quando la condizione di chi la offre e l'entità del prezzo richiesto inducano a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti e in materia di proprietà intellettuale”.
5/03/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 

Facebook

Trovato senza vita nel parcheggio dell'ospedale

Cronaca | All'alba del 27 maggio, un uomo di 39 anni è stato trovato privo di vita nel parcheggio tra l'Ospedale Civile e l'Istituto Volta

Polizia Municipale e amministrazione comunale, almeno ora si parlano

Alessandria | Prima riunione tra amministrazione comunale e i sindacati dopo le “divergenze” con il sindaco Rossa e le dimissioni, respinte, del comandante Alberto Bassani. “abbiamo posto alcune questioni, ora aspettiamo risposte. Il dialogo comunque è aperto”

Acqui - Genova: anche nel 2015 chiusura a agosto

Ovada | Anche nel 2015 la conferma del provvedimento diventato una prassi per lavori di manutenzione a una linea messa a dura prova dal dissesto idrogeologico

Imbiancato il giardino della scuola di musica

Ovada | Un cantoniere al lavoro per tre giorni, saranno ripulite anche altre parti pubbliche della città. Rimane il solito interrogativo: quanto durerà?

Polo chimico, per la difesa “nessun diritto ai risarcimenti”

Alessandria | Continuano le arringhe finali dei difensori. Per l'avvocato Ponzanelli, difensore responsabile civile Solvay, “nessun risarcimento può essere concesso” in quanto “inammissibile e infondato, contrario alla normativa europea e italiana. Presupporrebbe un danno ambientale che non è stato provato”. L'8 giugno si concluderanno le repliche. A settembre annunciata la sentenza
Muratore: Trattori d'epoca, Associazione delle Dolci Terre di Novi
Muratore: Trattori d'epoca, Associazione delle Dolci Terre di Novi
Mobilità sostenibile: il bilancio sul progetto educativo
Mobilità sostenibile: il bilancio sul progetto educativo
Mobilità stradale in Cittadella: la festa finale
Mobilità stradale in Cittadella: la festa finale
“La tua idea d’impresa”: un sito web e una gara per le scuole
“La tua idea d’impresa”: un sito web e una gara per le scuole
La valorizzazione delle sponde fluviali
La valorizzazione delle sponde fluviali
Le piante che camminano sul marciapiede dissestato
Le piante che camminano sul marciapiede dissestato
No Terzo Valico, la manifestazione del 23 maggio ad Alessandria
No Terzo Valico, la manifestazione del 23 maggio ad Alessandria
Terzo Valico: Corteo per dire NO all'uso delle Cave alessandrine
Terzo Valico: Corteo per dire NO all'uso delle Cave alessandrine
No Terzo Valico, la manifestazione del 23 maggio ad Alessandria
No Terzo Valico, la manifestazione del 23 maggio ad Alessandria
Esplosione nella notte, ma il furto non riesce
Esplosione nella notte, ma il furto non riesce