Sei in: AlessandriaNews / Cronaca / Polizia Locale: due denunce - 5/03/2012
Casale Monferrato

Polizia Locale: due denunce

Identificati un writer e un uomo senza permesso di soggiorno che vendeva capi d'abbigliamento contraffatti
Versione stampabile Stampa  |   Invia articolo a un amico Invia   |   Scrivi alla redazione Scrivi
Due interventi della Polizia Locale di Casale Monferrato hanno portato la scorsa settimana alla segnalazione di un writer vercellese per deturpamento e imbrattamento aggravato e di un senegalese per commercio di capi d'abbigliamento contraffatti e clandestinità.
A seguito di un’intensa attività di indagine svolta dagli uomini del comandante Maurizio Prina in collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Vercelli si è pervenuti all'identificazione un writer vercellese di 38 anni che, nel corso dell'estate 2011, deturpò con scritte il sottopassaggio della stazione ferroviaria di Casale Monferrato e un’abitazione privata sulla provinciale 31 per Vercelli, in frazione Casale Popolo.
All'epoca dei fatti furono trasmesse denunce contro ignoti alla Procura della Repubblica: grazie agli scambi informativi sul mondo dei cosiddetti writers tra la Polizia Locale di Casale Monferrato e la Squadra Mobile della Questura di Vercelli, la settimana scorsa è stata effettuata una comparazione degli imbrattamenti perpetrati in città con analoghi episodi accaduti a Vercelli.
All'esito della comparazione con il materiale in possesso della Squadra Mobile di Vercelli non è emerso alcun dubbio circa l'assoluta identicità del carattere grafico degli imbrattamenti (costituiti da firme, in gergo "tag") lasciate dal writer vercellese, già precedentemente identificato, indicanti gli acronimi "Fetente" e "Thiago".
Il responsabile è stato pertanto segnalato all’Autorità Giudiziaria per il reato di deturpamento e imbrattamento aggravato (art. 639 codice penale).
Venerdì 2 marzo, invece, durante il mercato di piazza Castello, agenti della Polizia Locale hanno individuato un cittadino senegalese, di 50 anni, intento a esibire per la vendita capi d'abbigliamento contraffatti.
L'uomo, che alla vista degli agenti ha tentato la fuga, è stato immediatamente bloccato. Il successivo controllo ha portato al sequestro di numerosi capi d'abbigliamento contraffatti, giacche a vento, giubbotti, borse, portafogli, cinture e polo riconducibili a noti marchi d'abbigliamento come Louis Vuitton, Fendi, Gucci, Fred Perry, Moncler, Belstaff, Napapijri e Peuterey.
Dai controlli effettuati, l’uomo risultava inoltre clandestino sul territorio nazionale, pertanto è stato segnalato all'Autorità Giudiziaria per i reati in materia di contraffazione del marchio e ricettazione e per il reato di permanenza irregolare sul territorio nazionale.
“È doveroso ricordare – hanno spiegato il comandante Maurizio Prina e il vice commissario Vittorio Pugno - che in materia di contraffazione anche l'acquisto è punito dalla legge con una sanzione pecuniaria da 500 fino a 10 mila euro, qualora l'acquirente non accerti preventivamente la legittima provenienza della merce quando la condizione di chi la offre e l'entità del prezzo richiesto inducano a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti e in materia di proprietà intellettuale”.
5/03/2012


 

Facebook

Avvisi di garanzia per il documentario sui braccianti Lazzaro

Tortona | Avvisi di garanzia per due esponenti del presidio di solidarietà ai braccianti ex Lazzaro: la causa è il documentario in cui i braccianti raccontano le condizioni di sfruttamento cui erano sottoposti

Sorpresi a scaricare rifiuti: multati due uomini

Cronaca | Grazie alla segnalazione di una sentinella ambientale e all'intervento tempestivo dell'Ispettore Ambientale Fulvio Barzizza, due uomini, sorpresi a scaricare rifiuti in via del Chiozzetto, sono stati identificati e multati

Cane abbandonato in autostrada: lo soccorre la Stradale

Cronaca | E' stato abbandonato sull'A26 il giorno di Ferragosto a pochi chilometri da Ovada, in un'area di sosta. Si tratta di un Rotwailler di taglia media che è stato soccorso dagli agenti della Polizia Stradale, dal personale dell'Asl e condotto al canile di Ovada. Difficoltose le indagini per scovare "il responsabile" dell'abbandono

Lite tra fratelli finisce con il loro arresto

Solero | Una discussione nata da motivi di lavoro degenera. Intervengono i Carabinieri ma i due li minacciano: saranno processati per direttissima

Rapina e accoltella un giovane: fermato dalla Polizia

Alessandria | Lesioni aggravate, minacce e rapina: un uomo di 38 anni ora è in carcere su disposizione del magistrato

Multimedia

  • Grigi, buono il via

    Grigi, buono il via

  • Derthona Basket, Roberto Tava: Memorial Cima

    Derthona Basket, Roberto Tava: Memorial Cima

  • Marco Martelli, presentazione del Memorial Cima

    Marco Martelli, presentazione del Memorial Cima

  • Biblioteca Tagliolo

    Biblioteca Tagliolo

  • Cattaneo: lo sport è cambiato, oggi servono sponsor

    Cattaneo: lo sport è cambiato, oggi servono sponsor

  • La festa di presentazione dei Grigi in piazza Duomo

    La festa di presentazione dei Grigi in piazza Duomo

  • Cimitero di Alessandria: da facebook l'appello perché venga sistemato

    Cimitero di Alessandria: da facebook l'appello perché venga sistemato

  • Cavanna: Al parco fra terra e cielo, eventi all'Isola delle sensazioni

    Cavanna: Al parco fra terra e cielo, eventi all'Isola delle sensazioni

  • Gotta: l'Isola delle Sensazioni va valorizzata

    Gotta: l'Isola delle Sensazioni va valorizzata

  • Smontata l'ex pista di pattinaggio ai giardini pubblici

    Smontata l'ex pista di pattinaggio ai giardini pubblici

  • Giardini pubblici: degrado e divieti

    Giardini pubblici: degrado e divieti

  • Ferralasco: Parcheggio bici stazione, pista ciclabile cavalcavia Cristo

    Ferralasco: Parcheggio bici stazione, pista ciclabile cavalcavia Cristo

  • Salvato un cane finito in una cisterna

    Salvato un cane finito in una cisterna

  • Blitz della Polizia nella casa di appuntamenti di via Piave

    Blitz della Polizia nella casa di appuntamenti di via Piave

  • Si prostituivano per giocare alle slot

    Si prostituivano per giocare alle slot

Seguici su...
Facebook Twitter Flickr YouTube