Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Acqui Terme

Patente falsa e ricercato: si nascondeva a Ricaldone

Nel 2013 era andato alla motorizzazione, per far convergere la propria patente bulgara in una omologa italiana: il documento, però, era risultato falso e l'uomo era stato condannato a otto anni. Fuggito dal proprio paese, si nascondeva in un'abitazione a Ricaldone
ACQUI TERME - E' stato arrestato nella serata di ieri, venerdì 27 novembre, un uomo di nazionalità bulgara sul cui capo pendeva un mandato d'arresto europeo, emesso dalle autorità della Repubblica di Bulgaria per il reato, commesso in Italia, di uso di atto falso. I fatti risalgono al febbraio 2013 quando N.S., da molto tempo in Italia, si era presentato alla motorizzazione di Asti, per far convergere la propria patente bulgara in una omologa italiana. Ma qualcosa va storto: i funzionari si rendono conto che la patente è falsa e così, oltre a negare la conversione, trasmettono il documento in Bulgaria, per ulteriori accertamenti. Il trentaduenne, così, viene processato e condannato dalla legge bulgara a otto anni ma, proprio per evitare di scontare la condanna, l'uomo rientra in Italia e fa perdere le proprie tracce. La magistratura bulgara, così, spicca un mandato d'arresto europeo, al fine di rintracciare ed assicurare alla giustizia il proprio concittadino.

E a trovare l'uomo sono stati, nel corso dei servizi di prevenzione di reati contro il patrimonio, i Carabinieri dell'Aliquota Operativa di Acqui Terme, che si erano resi conto che a Ricaldone, in un’abitazione tra le sterminate vigne, aveva preso ad abitare un cittadino straniero, i cui movimenti apparivano quantomeno strani: lo stesso infatti usciva molto poco di casa e si faceva vedere poco in giro.Decisi dunque a capire chi fosse quel cittadino straniero, i militari dell’Aliquota Operativa hanno atteso che uscisse di casa, nella serata di venerdì 28 novembre, fermandolo ed identificandolo. A quel punto, da un controllo in Banca Dati, è emersa l’esistenza del mandato di cattura internazionale e, quindi, l'uomo è stato condotto in caserma e, dopo le formalità di rito, tradotto presso la Casa Circondariale di Alessandria a disposizione della Corte d’Appello di Torino, in attesa dell’eventuale estradizione verso il paese di origine.
 
28/11/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa