Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Palazzo Simaf, lotta sul secondo fronte

Data l'assoluzione, quale sarà il prossimo capitolo della questione Simaf? Probabile l'apertura di un nuovo capitolo, relativo appunto al cambio di destinazione del palazzone, ma non è detto che in futuro non ci possano essere nuovi risvolti giudiziari
NOVI LIGURE - L’assoluzione dall’accusa di falso e abuso d’ufficio, a proposito della costruzione del “palazzone” Simaf di via Pietro Isola, dovrebbe aver posto definitivamente la parola fine su una vicenda che, fra intrecci politici e ripicche personali, ha tenuto banco a Novi Ligure per oltre sei anni.

Tutto cominciò quando nell’area Z-3 l’imprenditore Giovanni Repetti, padre della senatrice Manuela (Pdl-Fi), repentinamente cominciò a costruire, recintando la zona del cantiere, sorprendendo anche l’amministrazione comunale (oltre agli automobilisti che avevano parcheggiato nell’ex piazzale delle corriere). In breve sorse un grande edificio (denominato comunemente “palazzone”) che per tipologia ancora oggi ospita prevalentemente una destinazione d’uso per uffici e similari. Soltanto un paio sono gli alloggi concessi ad uso abitativo.

Da questo punto probabilmente partirà un nuovo capitolo, relativo appunto al cambio di destinazione del palazzone che, così com’è al momento, non offre grandi margini di guadagno sul mercato. Tuttavia, non è detto che in futuro non ci possano essere risvolti giudiziari, qualora la proprietà Simaf, che fa capo a Repetti, non volesse rivalersi su perdite, di tempo e denaro, intercorse in questi ultimi 6 anni.

In questo lasso di tempo, infatti, esattamente nel 2011, è stata emanata una legge (la 106) che consentirebbe anche in questo caso di variare la destinazione d’uso per un quarto della sua superficie. Proprio lo stesso Giovanni Repetti aveva dichiarato circa un anno fa, l’intenzione di chiedere, legge alla mano, questo cambio per il terzo e il sesto piano del “palazzone”. Quest’ultimo piano per "uso personale". Per cui, se da una parte la vertenza sul falso e abuso d’ufficio è stata chiusa con l’assoluzione dei dirigenti Simaf e dei tecnici comunali, la querelle potrebbe proseguire su altre sponde, non meno intricate.

28/06/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano