Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Omicidio Belsito, arrivano le condanne per omicidio volontario

Si chiude con due condanne il processo a Alessandro Loiacono e Antonio De Filippi per l’omicidio dell’imprenditore gaviese Franco Domenico Belsito, commesso in un capannone di Pontecurone nel pomeriggio del 28 novembre 2013
CRONACA - Si chiude con due condanne il processo a Alessandro Loiacono e Antonio De Filippi per l’omicidio dell’imprenditore gaviese Franco Domenico Belsito [nella foto], commesso in un capannone di Pontecurone nel pomeriggio del 28 novembre 2013. Dopo diverse udienze, che hanno permesso alle parti di stabilire le cause della morte di Belsito, la Corte di Assise di Alessandria ha condannato Loiacono, demolitore 35enne di Pontecurone, a 30 anni di carcere e il 52enne Antonio De Filippi a 14 anni e 4 mesi. Il massimo della pena per il primo e il minimo per il secondo, condannati in concorso per omicidio volontario.

Per tessere le fila di questa tragedia, occorre tornare indietro al 2013, nel pomeriggio in cui Belsito e Loiacono si incontrano per discutere di affari. Un confronto che poi è degenerato: Loiacono riferisce, fin da subito, di aver avuto una colluttazione con l’imprenditore e, credendolo morto, di essersi fatto da aiutare da De Filippi nel trasportare il corpo nel bagaglio della Croma, portata fino alla piazza di Lu Monferrato, lì dove venne ritrovato da un amico della vittima.
Partono le indagini, scattano le manette ai polsi del demolitore mentre il 52enne viene accusato di occultamento di cadavere. Arrivano gli esiti dell’autopsia, effettuata dal medico legale Rita Celli: Belsito è morto per asfissia. È in questo momento che arriva per De Filippi l’accusa di concorso in omicidio volontario.
Si apre il processo, a confronto accusa e difesa. Si procede fino a quando la seconda autopsia rivela i due fori nella testa dell’imprenditore originario di Vibo Valentia, segni inequivocabili del colpo di testa. La scoperta induce i difensori a chiedere il rito abbreviato, che prevede in automatico lo sconto di un terzo della pena. La sentenza, arrivata martedì scorso, assegna il massimo della pena a Loiacono, accusato di premeditazione, e 14 anni a Filippi.  
27/02/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani