Novi Ligure

Novese dona i suoi organi

"Il dono pių bello". Cosė il Gruppo Aido Novese commenta la donazione donato fegato, reni e cornee della novese 69enne Fiorenza, deceduta pochi giorni fa
NOVI LIGURE - Fiorenza C. 69 anni, residente in città, è deceduta pochi giorni fa, per emorragia cerebrale, presso il reparto di rianimazione dell’Ospedale Mons. Giovanni Galliano di Acqui Terme.

La donna, dichiarata clinicamente morta, è stata sottoposta alle osservazione di rito da parte della Commissione prevista dalla legge sui prelievi e trapianti d’organi, formata da un medico rianimatore, da un medico legale e da un neurologo, per un periodo di 6 ore, al termine delle quali hanno avuto inizio le procedure per il prelievo degli organi.

L’equipe dei medici ha provveduto al delicato compito di prelevare i reni, il fegato e le cornee che sono stati trapiantati su pazienti in lista d’attesa, consentendo loro di tornare ad una nuova vita. Le esequie della Signora Fiorenza, che lascia il marito e una figlia, sono state celebrate mercoledì mattina presso la Chiesa della Pieve di Novi Ligure.

Ai familiari della donatrice giunga un sentito ed accorato segno di gratitudine del consiglio direttivo del locale Gruppo Aido – scrivono dall’associazione - unito alla certezza che il dolore per la perdita della loro congiunta sia in qualche modo alleviato dalla consapevolezza di aver offerto nuove opportunità di vita ad altre persone”.

“Il Gruppo Aido Novese – continuano - nel sottolineare l’ennesimo risultato positivo per la costante opera di sensibilizzazione verso il tema della donazione di organi, esprime uno schietto e profondo ringraziamento al personale delle equipe di Sala Operatoria e Rianimazione dell’ospedale Mons. Giovanni Galliano di Acqui Terme, per il lavoro e l’impegno profusi nel portare a termine i prelievi che hanno consentito di realizzare le speranze di persone in grave difficoltà ed in attesa del dono più bello”.
31/07/2014
Redazione - novionline@novionline.it