Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Morì asfissiato, lei a processo per omicidio

Per il gioco erotico finito in tragedia la donna dovrà comparire davanti alla Corte d'Assise per rispondere di omicidio preterintenzionale. La prima udienza tra un anno
CRONACA – Dovrà comparire davanti alla Corte d'Assise di Alessandria, il prossimo 13 maggio 2019, l'architetto Gianna Damonte, 58 anni di Novi Ligure, per rispondere dell'accusa di omicidio preterintenzionale per la morte di Riccardo Sansebastiano. Secondo il pubblico ministero Andrea Zito, che ha formulato l'accusa al termine delle indagini, la donna avrebbe, seppur non intenzionalmente, provocato la morte dell'amante “attraverso un'azione violenta”, come recita l'articolo del codice penale.
Respinge l'accusa Gianna Damonte, assistita dagli avvocati Stefano Savi e Manuela Calzetta di Genova. Ieri, davanti al giudice per l'udienza preliminare, ha deciso di affrontare il giudizio, davanti ai giudici togati e ai giudici popolari che comporranno la Corte, senza optare a riti alternativi che le avrebbero consentito, in caso di condanna, uno sconto di pena.
Sansebastiano morì il pomeriggio dell'11 luglio 2016, in una mansarda in via Maggioli, al quartiere Cristo durante un gioco erotico dal finale tragico e inaspettato.
Lui, consenziente, era stato legato con le mani dietro la schiena e il collo attorno ad un palo. Lei lo ha lasciato verso le 14 del pomeriggio. Avrebbe fatto ritorno verso le 17. Ma quando arrivò nell'appartamento, luogo dei loro incontri, la donna lo ha trovato agonizzante. Chiamò i soccorsi, ma non vi fu più nulla da fare.
Non avevano probabilmente tenuto conto del fatto che la temperatura all'interno della mansarda, non ventilata, aveva raggiunto i quasi 40 gradi. Un caldo afoso che ha fatto perdere le forze a Sansebastiano, impossibilitato a liberarsi. Secondo l'autopsia la morte darebbe stata provocata da “asfissia da impiccamento”. Lui, forse senza neppure rendersene conto, ha perso i sensi e si è accasciato. La catena che gli cingeva il collo ne ha provocato il soffocamento.
Il 13 maggio del prossimo anno si terrà la prima udienza. Le figlie di Sansebastiano si sono costituite parti civili con l'avvocato Massimo Grattarola.
31/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano