Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Medico davanti al giudice di Pace per un drenaggio “dimenticato” dopo l'operazione

La cannula di drenaggio da quindici centimetri “dimenticata” nella spalla del paziente, dopo l'operazione per una frattura scomposta. Venne individuata solo dopo otto mesi, ma dalla prima lastra non era apparso nulla. Ora il medico è stato chiamato a rispondere davanti al giudice di Pace.
CRONACA – E' in dibattimento davanti al giudice di Pace di Alessandria la vicenda che, nel 2009, finì sulle pagine dei Tg nazionali e che vede implicato un medico del reparto di ortopedia dell'ospedale Santi Antonio e Biagio.
Dopo essere stato sottoposto ad una operazione per una frattura scomposta alla spalla, il paziente continuava ad accusare dolori. Dopo otto mesi di “calvario” e di tentativi per individuare l'origine del dolore, che risultava circoscritto ad una zona per precisa, l'uomo viene sottoposto ad una Tac. Dai risultati era poi emerso come il dolore fosse causato da una cannula di drenaggio, lunga una quindicina di centimetri, che non era stata tolta dopo la prima operazione.
L'uomo fu sottoposto ad un nuovo intervento chirurgico e il drenaggio finalmente asportato.
A distanza di parecchi anni, la vicenda è giunta davanti al giudice di Pace de tribunale di Alessandria, di fronte al quale è stato chiamato il medico che eseguì la prima operazione, alla spalla, asportando solo il parte (come poi emergerà) il tubicino in lattice utilizzato per il drenaggio.
L'altro giorno, in aula, è stato ascoltato il perito della difesa (avvocato Roberto Cavallone) il quale ha evidenziato come il medico, M. C., nel rimuovere la cannula dopo l'intervento, avvertì una certa resistenza e per scrupolo, chiese che venisse eseguita  una radiografia cosiddetta "molla", dalla quale, però, non emerse nulla. Anche il perito nominato dal pubblico ministero avrebbe confermato come dalla radiografia non si evincesse nulla. Per la parte offesa gli avvocati Giuseppe Lanzavecchia e Davide Daghino sostengono, invece, che il medico aveva l'esperienza e la capacità per comprendere che la cannula estratta era solo una piccola parte di quella applicata e che, la restante parte, era quindi probabilmente rimasta all'interno. Ci fu quindi imperizia? Il medico si fidò del referto del radiologo senza eseguire ulteriori controlli o era “impossibile” vedere da una lastra la presenza di una cannuccia in silicone da 15 centimetri? Gli avvocati di parte offesa, nell'ultima udienza, hanno chiesto che la lastra venga acquisita agli atti e che vengano nuovamente ascoltati i periti del pubblico ministero.
La prossima udienza è fissata per il 12 novembre. A gennaio l'eventuale reato rischio però che venga prescritto. 
28/09/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano