Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Legambiente: "Il Comune prenda posizione contro la centralina sullo Stura"

Raccolte mille firme per bloccare il progetto della Noviconsult. L'avvocato Briata: "L'amministrazione locale deve esprimere in modo chiaro la sua contrarietà". Parere negativo anche dal Comitato di via Voltri e dalla titolare del Mulino Mandelli
OVADA - Sale la preoccupazione della sezione ovadese di Legambiente per la possibile costruzione della centralina idroelettrica sul fiume Stura, a pochi passi dal mulino Mandelli. Nel corso di un incontro svoltosi proprio presso i locali dell’esercizio di Via Ripa, l’associazione ambientalista ha fatto il punto della situazione sull’iter burocratico attualmente in corso tra il Comune di Ovada e la Noviconsult di Basaluzzo, che ha realizzato il progetto per la costruzione dell’impianto “Mulino Ovada srl”. Oltre ad una possibile diffida da parte di “E.m.o. Esercizio Molino Ovada” per l’utilizzo di una denominazione troppo simile a quella dell’attività commerciale, Legambiente chiama in causa anche Palazzo Delfino – forte del migliaio di firme raccolte in un mese – per chiedere di prendere una decisione politica, possibilmente contraria, sulla questione. “Al momento il Comune di Ovada ha dato parere favorevole con osservazione – dice l’avvocato Giacomo Briata –. Siamo convinti che la centrale idroelettrica non è un’opera di interesse pubblico per gli ovadesi, anzi dannosa per il rischio di alluvione, e che potrebbe essere tranquillamente localizzata in un luogo differente”.

Il prossimo passo sarà proprio la consegna delle firme (ne bastavano 300, ne sono state raccolte il triplo dal Comitato via Voltri, dal Mulino Mandelli e dal Movimento Cinque Stelle) in Comune, per avere la certezza che anche l’amministrazione locale è contraria al progetto. “Anche perché – prosegue l’avvocato Briata – in caso contrario la Conferenza dei servizi dovrà fare i conti con un parere positivo di un certo peso”. Oltre a Legambiente, anche la rappresentanza dei cittadini di via Voltri e Floriana Mandelli, titolare dell’omonimo mulino, si dicono contrari alla realizzazione dell’opera. “L’ultima alluvione c’è stata nel 1977 – spiega quest’ultima – quando, a causa della vecchia centralina, una parte di Ovada è andata a bagno. Noi siamo stati costretti a chiudere l’attività per cinque mesi”. In attesa di un riscontro da parte delle autorità locali, il gruppo ovadese di Legambiente incontrerà a breve il dottor Francesco Puma, segretario generale dell’Autorità di bacino del fiume Po. 
27/11/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa